Inaugurato a Riccione il primo dei tre contenitori per la raccolta degli oli esausti

Sono 15 i nuovi contenitori per la raccolta degli oli usati che il Gruppo Hera sta disponendo nel territorio della provincia. A Riccione saranno tre: uno in viale Lazio e gli altri due si trovano nei pressi della Scuola media di via Ionio e della Farmacia comunale di San Lorenzo

Mercoledì 20 novembre 2013 alle ore 12,30 presso l’isola ecologica di viale Lazio, a Riccione Paese, è stato inaugurato il primo dei tre contenitori per la raccolta differenziata e il recupero degli oli vegetali esausti assegnati al Comune di Riccione nell’ambito del “Progetto Oli Alimentari”. L’iniziativa, messa in atto dal Gruppo Hera con la collaborazione del Comune di Riccione, Assessorato all’ambiente, rappresenta un’ulteriore evoluzione della raccolta differenziata per il recupero e la valorizzazione degli oli vegetali esausti, in gran parte prodotti nelle cucine di casa e in quelle dei ristoranti come residuo di fritture. Un residuo che, se smaltito in modo improprio, può causare seri danni all’ambiente e al sistema della depurazione. Alla breve cerimonia, oltre al Sindaco Massimo Pironi, a cui è spettato il primo conferimento di una bottiglia di olio usato per friggere, hanno partecipato anche il Vice Sindaco Lanfranco Francolini, il Presidente del Comitato d’area di Riccione Paese, Dino Saponi, e alcuni componenti del suo direttivo, i rappresentanti di Hera Ambiente. Presente tra gli altri anche Giuseppe Lo Magro, Presidente di Famija Arciunesa: il prossimo numero del mensile del sodalizio, che viene recapitato agli oltre 18.000 nuclei famigliari riccionesi, conterrà in allegato il pieghevole della nuova iniziativa di raccolta differenziata.

Sono 15 i nuovi contenitori per la raccolta degli oli usati che il Gruppo Hera sta disponendo nel territorio della provincia. A Riccione i contenitori saranno tre: uno, quello inaugurato stamane, posto nell’isola ecologica di viale Lazio, nel parcheggio della Biblioteca; gli altri due si trovano nei pressi della Scuola media di via Ionio e della Farmacia comunale di San Lorenzo, in via Flaminia n.25. Grazie ai tre nuovi contenitori, posti in strade e aree molto frequentate, si potrà facilmente recuperare e avviare a recupero altro materiale inquinante, contribuendo concretamente alla salvaguardia dell’ambiente. Dopo la fase della raccolta, la valorizzazione degli oli esausti consisterà nella loro conversione energetica, elettrica e termica, previo processo di raffinazione, come combustibile bio-diesel.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • Muore folgorato mentre scolpisce il legno nella sua abitazione

  • Verso il nuovo Dpcm: l'Emilia-Romagna rischia di diventare zona rossa

  • Risponde a un annuncio di lavoro e finisce nella rete di un maniaco sessuale

  • Il sindaco Parma lancia l'allarme: "Seconda ondata Covid sta colpendo duramente Santarcangelo"

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento