Riccione, controlli alle ex colonie: trovate tre persone che vivevano in condizioni pietose

Nello specifico sono stati sottoposti a controllo le ex colonie Casa del Bimbo, Pio XII e Serenella in zona Marano.

Dalle prime luci dell’alba i Carabinieri della Compagnia di Riccione guidati dal Capitano Marco Califano, gli agenti del Corpo Intercomunale di Polizia Municipale, diretti dal Comandante Pierpaolo Marullo, hanno effettuato un controllo di servizio specifico in alcune ex colonie in stato di abbandono finalizzato al contrasto della criminalità diffusa, in particolare in materia di reati contro il patrimonio, dell’immigrazione clandestina e del degrado urbano. Nello specifico sono stati sottoposti a controllo le ex colonie Casa del Bimbo, Pio XII e Serenella in zona Marano. Dai controlli eseguiti all’interno e all’esterno delle strutture sono state trovate 3 persone di nazionalità rumena,  alloggiate in pessime condizioni igienico sanitarie.

 “Finalmente dopo decenni di incuria questa amministrazione interviene in maniera tangibile e concreta trasformando un’area problematica sul versante del decoro e della sicurezza in una opportunità per tutta la città centrando da subito un obiettivo di legislatura. Ringrazio tutte le nostre forze dell’ordine - afferma l’assessore alla Polizia Municipale Elena Raffaelli - che con professionalità e abnegazione operano con grande impegno a tutela della sicurezza urbana e del decoro della città. Dai Carabinieri alla disponibilità dell’ufficio immigrazione della Polizia di Stato ai servizi alla persona comunali allertati per supportare ogni evenienza. Si tratta di interventi costanti e programmati nel tempo che contribuiscono a mantenere alta l’attenzione, nonostante il reiterarsi delle occupazioni abusive in stabili che si trovano in stato di abbandono da molti anni. Ecco perché con l’operazione odierna sono partiti nella stessa mattinata gli interventi di chiusura, pulizia e messa in sicurezza delle aree interessate. Da oggi le zone esterne di queste ex colonie verranno ripulite per dare avvio e mantenere nel tempo una prima riqualificazione. Un primo passo come amministrazione che consideriamo determinante sui fronti della sicurezza, del decoro e di un uso ottimale per gli albergatori della zona.”

 Le aree esterne delle ex colonie Pio XII e Casa del Bimbo, di proprietà privata e il parcheggio in piazzale Pratolini/via Manfroni di fronte al locale Yellow Factory, verranno ripulite con la rimozione di ogni segno di bivacco o degrado, sistemate con la rimozione degli arbusti in eccesso, dotate di telecamere di sorveglianza attive 24 ore su 24, impianti di illuminazione nella facciate esterne degli edifici, di cancelli automatici e di adeguata segnaletica. Passo indispensabile per dare il via al progetto “Riccione Parks” che permetterà a diversi albergatori riccionesi di usufruire di parcheggi custoditi per la propria clientela. A questi si affiancherà un servizio di navette stagionale aperto ininterrottamente dalla fine di maggio a settembre.

“Il servizio navette con mezzi ecocompatibili – prosegue l’assessore Raffaelli – se da un lato andrà ad annullare le distanze e permetterà ai clienti dei nostri albergatori di godere agevolmente dei parcheggi, dall’altro toglierà le auto in sosta promuovendo una migliore qualità dell’aria e del traffico, fattori rilevanti per una città turistica come Riccione che fa della qualità di vita dei cittadini e turisti fattori essenziali. Grazie al contributo di più soggetti, dalle Forze dell’ordine, ai privati delle ex colonie Casa del Bimbo e Pio XII, al curatore fallimentare della colonia Serenella, all’associazione albergatori, che ha abbracciato il progetto incoraggiando i propri associati ad avere parcheggi custoditi, partiremo questa estate con un progetto in  via sperimentale, dando un  impulso positivo a scoraggiare bivacchi e degrado nella zona Marano sulla quale l’amministrazione sta investendo in progetti e riqualificazione.”

 Alle parole di apprezzamento elargite dall’Assessore Raffaelli, ha risposto il Comandante della Compagnia di Riccione, affermando: “Restituire questi luoghi ai riccionesi e prima ancora alla legalità è un compito ormai divenuto indifferibile, e l’Arma di Riccione è lieta di poter contribuire, come sempre, in prima linea ed a fianco alla amministrazione comunale con le proprie quotidiane attività di prevenzione sul territorio, svolte molto spesso in collaborazione e sempre in piena sintonia con i colleghi della Polizia Intercomunale di Riccione, Coriano e Misano Adriatico”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapre un supermercato storico della Riviera: 78 lavoratori e un investimento di 4 milioni

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

  • Disse "mare di merda" sui social, arriva il decreto di condanna per diffamazione nei confronti di Rimini

Torna su
RiminiToday è in caricamento