Cronaca

Custodia cautelare in carcere, la vigilia di Natale si aprono le porte dei "Casetti"

Due individui, che risiedevano in una comunità della Papa Giovanni XXIII, si sono visti applicare la misura per i reati commessi

Si sono aperte le porte del carcere riminese dei "Casetti", la vigilia di Natale, per due individui accusati di vari reati. I militari dell'Arma, su disposizione del Tribunale di Sorveglianza di Bologna, hanno eseguito due decreti di sospensione pena nei confronti di un 26enne originario della Repubblica del Congo, ma residente a Grosseto, e di un 61enne di origini partenopee ma residente a Mantova entrambi domiciliati presso la Comunità Papa Giovanni XXII di Saludecio. Lo straniero era responsabile di resistenza ed oltraggio a pubblico ufficiale e danneggiamenti mentre, il secondo, era responsabile di atti persecutori. Portati in caserma, al termine degli accertamenti di rito sono stati trasferiti nel carcere.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Custodia cautelare in carcere, la vigilia di Natale si aprono le porte dei "Casetti"

RiminiToday è in caricamento