Decoro in viale Dante: buona risposta al nuovo regolamento, proseguono i controlli della Municipale

Gli agenti della Municipale di Riccione hanno provveduto a diffidare  5 negozi e attività artigianali e a sanzionarne altre 5 per mancato rispetto del Regolamento a tutela del decoro urbano

In una sola giornata di questa settimana gli agenti della Municipale di Riccione hanno provveduto a diffidare  5 negozi e attività artigianali e a sanzionarne altre 5 per mancato rispetto del Regolamento a tutela del decoro urbano di viale Dante nel tratto compreso tra viale Scarlatti e vale Bellini. La diffida è il provvedimento emesso a seguito del primo accertamento di irregolarità riscontrato durante i controlli. La sanzione dell’attività rientra nella fase successiva e ammonta a 160 euro. Dopo tre sanzioni è prevista la chiusura dell’attività. L’amministrazione chiede la collaborazione degli operatori in maniera che tutti assieme si possa arrivare al perseguimento del medesimo obiettivo: una città più bella. Dal divieto di esporre nei negozi al sole e all’aria bottiglie di plastica, bevande, generi alimentari e ortofrutta alla esposizione all’esterno dei locali con indicazioni precise su carrelli, manichini, vetrinette, tende parasole e sedie di colore bianco o panna, il regolamento rappresenta uno strumento distintivo per il decoro del viale Dante. 

Per l’assessore alla polizia municipale e attività economiche on. Elena Raffaelli “Il  nostro principale obiettivo è quello di dare ai riccionesi e ai turisti che frequentano Riccione il miglior servizio possibile. Servizio inteso anche come decoro dove le attività commerciali o artigianali si adoperino per presentare le proprie attività in modo armonioso e non invadente dello spazio pubblico. Evitare che i commercianti espongano merce in quantità esagerata  o con vetrinette invadenti, anche dal punto di vista visivo oltre che del suolo pubblico, è  l’obiettivo dell’amministrazione con l’entrata in vigore, in via sperimentale, di un nuovo regolamento a tutela del decoro urbano in viale Dante. E i primi risultati sono evidenti. Vetrine curate, spazi liberati, sedie esterne e tendaggi uguali e dello stesso colore. Un messaggio forte e chiaro che l’amministrazione di concerto con i comitati del viale, i primi a richiedere tale regolamento, ha lanciato agli operatori. E’ nell’interesse di ogni attività, e di riflesso della città, migliorare e rendere più bello l’ambiente urbano frequentato ogni giorno da riccionesi e turisti. Si tratta di piccoli e preziosi accorgimenti che necessitano di regole utili a migliorare la città turistica e perché no, a gratificare lo stesso operatore che presenta la propria attività in maniera più gradevole e decorosa. Per questi motivi nell’ incessante lavoro svolto dalla Corpo Intercomunale di Polizia Municipale rientrano controlli costanti per verificare il rispetto di queste norme”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapre un supermercato storico della Riviera: 78 lavoratori e un investimento di 4 milioni

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

Torna su
RiminiToday è in caricamento