rotate-mobile
Cronaca Riccione

Riccione e Cavallino-Treporti si alleano. "Nel patto Bonaccini-Zaia i rinforzi delle forze dell'ordine"

Le sindache Tosi e Nesto chiedono nel progetto di autonomia delle regioni che venga riconosciuto lo status balneare e l'arrivo in automatico dei rinforzi per la sicurezza nel periodo estivo

"Ottima la sinergia tra Emilia Romagna e Veneto. E' giusto lavorare insieme per i grandi progetti da proporre al Pnrr e per rendere concreta l'autonomia differenziata delle Regioni". Lo affermano congiuntamente Renata Tosi e Roberta Nesto, rispettivamente sindaco di Riccione e sindaco di Cavallino-Treporti. E' notizia di venerdì, l'incontro tra il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia e del presidente della Regione Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, a Venezia per parlare di progetti, Pnrr e autonomia delle regioni.

"Ho già avuto modo di commentare positivamente la sinergia tra le due Regioni in fatto di promozione turistica soprattutto rivolta al mercato tedesco, penso che oggi più che mai Veneto e Emilia Romagna debbano poter costruire insieme, anche grazie ai finanziamenti europei, delle grandi opportunità per la costa adriatica  - spiega la sindaca Tosi -. Veneto ed Emilia Romagna condividono naturalmente problematiche e punti di forza che devono trovare unità anche nelle scelte per i territori a prescindere dall'appartenenza e lo schieramento politico. Le risorse del Pnrr attraverso l'autonomia regionale devono favorire lo sviluppo dei nostri territori, nel rispetto delle proprie peculiarità, in maniera trasversale nel rispetto delle buone amministrazioni. Essere sinergici significa per Riccione, Cavallino Treporti e i sindaci del G20s (organizzazione che raggruppa i Comuni delle più frequentate spiagge italiane) lavorare insieme su un obiettivo comune come quello del riconoscimento dello status di località balneare e per l'automatismo dell'invio dei rinforzi estivi delle forze dell'ordine. Nel cosiddetto patto tra Zaia e Bonaccini dovrebbe trovare quindi appoggio anche il riconoscimento dello status balneare della località della costa veneta-romagnola".

"È ora di riprendere a lavorare sul tema dell’autonomia perché questo è uno dei grandi temi per il Veneto. Puntare ad avere una Regione autonoma significa poter gestire al meglio le risorse rispetto alle proprie competenze, con benefici maggiori per le nostre comunità rispetto alle grandi tematiche. Oggi più che mai è il momento di guardare al futuro e alle prospettive con una gestione puntuale delle risorse, e tra queste quelle del Pnrr possono dare nuove opportunità e un’accelerata agli investimenti. La Regione ha quindi tutto il nostro appoggio nel perseguire questo percorso – afferma la sindaca Roberta Nesto di Cavallino -Treporti, prima spiaggia del Veneto diventata comune autonomo nel 1999, staccandosi da Venezia -. Sul riconoscimento di nuove opportunità a favore delle nostre località, invece, come sindaci del G20 spiagge stiamo lavorando in sinergia per aprire il dialogo e il confronto, con una proposta di legge, per il riconoscimento di status di città balneare, perché alcune sostanziali materie, come lavoro e sicurezza, possano trovare risposte sui territori attraverso un’adeguata disciplina".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riccione e Cavallino-Treporti si alleano. "Nel patto Bonaccini-Zaia i rinforzi delle forze dell'ordine"

RiminiToday è in caricamento