Evade dalla comunità di recupero, catturato dopo due mesi di ricerche

Il pericoloso ricercato, agli arresti per associazione mafiosa e reati legati agli stupefacenti, doveva scontare 10 anni di reclusione

Si è conclusa nella giornata di venerdì, quando è stato arrestato dai carabinieri, la fuga di un pericoloso malvivente durata oltre 2 mesi. L'uomo, un 41enne campano, si trovava agli arresti domiciliari in una comunità della Valconca dove avrebbe dovuto scontare 10 anni di reclusione per associazione di stampo mafioso, reati contro la persona e legati agli stupefacenti. Lo scorso 10 ottobre si era allontanato facendo perdere le proprie tracce e, al suo inseguimento, si sono messi i carabinieri della Compagnia di Riccione i quali lo hanno poi catturato mentre si aggirava tra le campagne della Valconca.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Tragedia sul campo da calcio, muore a 9 anni mentre gioca con gli amici

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Coronavirus, in arrivo la nuova stretta. Verso lo stop di palestre e cinema. Per i ristoranti chiusura anticipata

  • Ammazza la moglie a martellate e poi si costituisce

  • "Correte ho ucciso mia moglie", l'assassino confessa il delitto alla polizia di Stato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento