Il folle inseguimento per le strade si conclude nel cuore dell'isola pedonale

L'automobilista ha ignorato l'alt di una pattuglia dei carabinieri innescando una corsa coi militari dell'Arma e la polizia di Stato

Folle inseguimento, nel pomeriggio di domenica, sulle strade di Riccione che si è concluso nel cuore dell'isola pedonale di viale Ceccarini. Il parapiglia è iniziato quando, verso le 17, un Suv con targa belga ha ignorato l'alt di una pattuglia dei carabinieri dandosi alla fuga. E' scattato l'allarme e, anche una Volante della polizia di Stato, si è messa all'inseguimento del fuggitivo che ha iniziato ad aggirarsi lungo le strade della zona mare a velocità sostenuta, anche contromano, e bruciando i semafori rossi. Tutto è finito quando Il suv si è infilato nell'isola pedonale di viale Ceccarini e, davanti ai tanti pedoni, l'automobilista non ha potuto far altro che inchiodare e fermarsi. Circondato dalle forze dell'ordine, lo straniero è stato preso in consegna dai carabinieri e portato in caserma dove la sua posizione è al vaglio degli inquirenti dell'Arma. Al momento, comunque, non sarebbero emersi scenari inquietanti ma più semplicemente l'aver ignorato i segnali della pattuglia.

Potrebbe interessarti

  • Pulire i vetri: addio agli aloni su finestre e specchi

  • "Il parchetto di Miramare tra sbandati che bivaccano ed escrementi umani ovunque"

  • Stop al sudore: come scegliere il deodorante giusto per la tua pelle

  • Gli odori, i ricordi, il marketing e la Sindrome di Proust

I più letti della settimana

  • Fulmine centra azienda agricola, vasto incendio nel deposito delle rotoballe

  • Investimento mortale sulla linea ferroviaria, stop ai treni sulla linea adriatica

  • Lui, lei e l'altro, il triangolo amoroso finisce con pugni e schiaffi nel parco

  • Il Sole 24 ore incorona Rimini come capitale dell’italian lifestyle

  • Perde il controllo e si schianta contro un albero, centauro deceduto sul colpo

  • A Miramare gli hotel dell'orrore: strutture in pessime condizioni igienico sanitarie

Torna su
RiminiToday è in caricamento