Giulio e Petunia tornano in mare grazie alla Fondazione Cetacea

Nella mattinata di Pasquetta liberate le due tartarughe dopo mesi di cura al centro di recupero di viale Torino a Riccione

Una pasquetta emozionante per i tanti turisti e riccionesi che, nella mattinata di lunedì, si sono dati appuntamento sulla spiaggia della Fonfazione Cetacea. L'occasione è stata quella di ridare la libertà a Giulio e Petunia, due tartarughe marine della specie Caretta Caretta, specie più comune nel mare Adriatico e che predilige le nostre acque ricche di pesce come zona di foraggiamento. Talvolta, come nel caso di Petunia arrivata il 17 gennaio dalle coste marchigiane, le tartarughe fermandosi tutto l’inverno al largo delle nostre coste, vengono sorprese dall’improvviso abbassamento della temperatura delle acque e si manifesta un fenomeno chiamato cold stunning, l’ipotermia. Moltissime tartarughe ricoverate al centro sono arrivate con questo problema, e sempre moltissime quest’inverno si sono spiaggiate morte a seguito di questo fenomeno, che ne abbassa le funzioni vitali rendendole inermi.

+++GUARDA IL VIDEO+++

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Alessandro Andreini la combina grossa e viene espulso dal Collegio

  • Arrestato con l'accusa di aver abusato delle due cugine dodicenni, una rimane incinta

  • Una nevicata e oltre 400mila luci per lo show di Riccione Christmas Star con la musica di Ralf

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Muore nella culla a 4 mesi, si indaga per scoprire le cause del decesso

Torna su
RiminiToday è in caricamento