menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Riccione: il Polo Scolastico ex-Fornace non può più attendere

L’Amministrazione comunale di Rccione si è posta da subito l’obiettivo di dotare la Città di un sistema di edilizia scolastica adeguato alle esigenze del territorio e caratterizzato da standard di sicurezza, funzionalità e qualità rispondenti alla legislazione e alle esigenze dell'utenza

L’Amministrazione comunale di Rccione si è posta da subito l’obiettivo di dotare la Città di un sistema di edilizia scolastica adeguato alle esigenze del territorio e caratterizzato da standard di sicurezza, funzionalità e qualità rispondenti alla legislazione e alle esigenze dell'utenza. Nell’ottica della pianificazione degli spazi da destinare agli studenti sono stati fatti dei progetti precisi. Ora non si può attendere oltre: l’edificio scolastico di viale Massaua destinato alle scuole medie del territorio, deve essere realizzato al fine di rispondere alle necessità di studenti e famiglie.

La situazione attuale non è più sostenibile, come è stato reclamato anche dai Dirigenti Scolastici di Riccione, gli studenti delle scuole medie-superiori convivono all’interno di spazi che non sono in grado di offrire quella qualità e quelle funzionalità, necessarie a garantire un adeguato servizio scolastico ai ragazzi. Per risolvere questo problema l’Amministrazione aveva indetto un bando di concorso, in seguito al quale la Società ATI, guidata dalla capofila Unieco di Reggio Emilia, aveva vinto la gara d’appalto. Nell’ottobre del 2010 era stato presentato il progetto esecutivo.La consegna dell’immobile scolastico era prevista per il 2012.

Inoltre, nonostante la normativa del 1996 della Legge 23 attribuisca alla Provincia la responsabilità della gestione degli immobili adibiti a istruzione media-superiore, il Comune di Riccione si era fatto carico di finanziare i costi iniziali dell’opera pari a 13 milioni di euro (comprensivi di Scuola e Teatro). Da allora l’Unieco è stata travolta, come numerose altre aziende italiane, dalla crisi economica e i lavori sono fermi. E’ necessario tuttavia uscire da questo impasse e dare, entro l’inizio dell’anno scolastico 2014/2015, le nuove  aule a servizio di 450 studenti. L’Assessore e il Dirigente ai Lavori Pubblici hanno già emanato un ordine di servizio, con il quale si impone alla ditta costruttrice di riprendere i lavori entro la metà del mese di Aprile e di terminarli,  come da nuovo progetto, entro la primavera del 2014. In caso contrario si avvierà immediatamente una nuova formula di gara pubblica, con lo scopo di assegnare l’incarico di costruzione ad una nuova impresa di costruzioni per portare a termine la pianificazione scolastica prevista.

Comune e provincia sulla base degli impegni precedentemente assunti definiranno con un atto preliminare il passaggio di proprietà della scuola media Pascoli dal Comune alla Provincia. Il Consiglio Comunale ha provveduto ad approvare  una deroga al tipo di intervento previsto per la Palazzina Uffici legata al progetto della Scuola Media, che ne garantirà un miglioramento strutturale,qualitativo, energetico e funzionale. Nel frattempo si è provveduto a ridefinire il finanziamento POR FESR di €. 1.800.000,00 regolamentato dalla Delibera di Giunta Regionale n.64/2008  “Interventi di valorizzazione del patrimonio ambientale e culturale” legato alla parte del Teatro, rivedendo con la provincia l’intervento previsto suddividendolo in più appalti tra cui la costruzione della Palazzina stessa, dell’anfiteatro all’aperto, di un ponte ciclopedonale, di un contenitore culturale e della creazione di un sistema Wi-Fi libero per l’area in questione. L’opera di riqualificazione della zona dell’ex-Fornace, si fonda su un piano di ristrutturazione, recupero e riuso del monumento di architettura industriale, inserendosi all’interno di un contesto cittadino più ampio fatto di arredo verde urbano, collegamenti viari e ciclo-pedonali idonei ad una Città come Riccione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Sicurezza

Odore di fumo in casa, 5 trucchi per eliminarlo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento