Riccione, il sindaco annuncia: "Partirà la “riforestazione” dell’entroterra"

Un nuovo progetto di riqualificazione ambientale del territorio riccionese: dall’area circostante l’ex vecchia Fornace di via Murano, sul Rio melo partirà la “riforestazione” dell’entroterra

Un nuovo progetto di riqualificazione ambientale del territorio riccionese: dall’area circostante l’ex vecchia Fornace di via Murano, sul Rio melo partirà la “riforestazione” dell’entroterra. E’ una delle notizie comunicate in anteprima dallo stesso Sindaco Massimo Pironi, rispondendo alla sollecitazione di una cittadina residente nei pressi della vecchia Fornace di via Murano, nel corso dell’incontro di ieri sera nella sala della Parrocchia di San Lorenzo.

Erano presenti gli assessori Lanfranco Francolini, Maurizio Pruccoli, Federica Torcolacci, Simone Gobbi e i consiglieri di zona Andrea Urbinati e Carmen Casadei. Per circa tre ore il Sindaco Pironi ha risposto alle questioni poste da una cinquantina di abitanti del quartiere. L’ex fornace di via Murano, appunto: di che morte dovrà morire? “Diventerà uno dei capisaldi del Boulevard dei paesaggi - ha spiegato il Sindaco Pironi - l’anello di percorsi ciclo-pedonali, con aree di sosta e verde attrezzato che farà da corona all’abitato. Dando nuova qualità al territorio riccionese”. Tanti i punti toccati nel botta e risposta con i cittadini. Ancora viva la polemica sui platani “diradati” lungo via San Lorenzo. “Non siamo stati stati né consultati né avvertiti del taglio degli alberi” si sono lamentati i frontisti.

“Ammetto il difetto nella comunicazione – ha risposto  il Sindaco – ma gli alberi andavano diradati, per la loro stessa salute, come ha attestatolo stesso agronomo responsabile del Servizio del verde di Geat”. Argomento sensibile, come per gli altri quartieri, lo stato dei cassonetti dell’immondizia, con appunti diffusi al servizio di Hera, ma anche alla maleducazione di tanti riccionesi, che preferiscono abbandonare fuori dai cassonetti sia i rifiuti ingombranti (basterebbe chiamare al telefono il servizio gratuito di raccolta a domicilio di Hera) sia i residui delle proprie attività artigianali. Invocati a più riprese i controlli della Polizia municipale, con un pizzico di rimpianto per i vecchi tempi: “quando la raccolta la faceva la vecchia AMNU, poi la Geat, le cose andavano molto meglio”.

Tra gli argomenti trattati dal Sindaco Pironi anche il tracciato della nuova Statale 16, che potrebbe avere effetti molto positivi anche per San Lorenzo,  venendo risparmiato dal traffico di attraversamento della città. E ancora: la sicurezza contro i furti nelle case (“ormai ti entrano anche alle 9 del mattino), il futuro dell’area e dei locali dell’ex Mattatoio, i nuovi tratti di pista ciclabile, da realizzare e collegare tra loro per far decollare una nuova cultura della mobilità “sostenibile” a zero emissioni. I prossimi incontri si svolgeranno: mercoledì 29 al Circolo di Buon vicinato "Quei de vilag" di via Arezzo; mercoledì 5 giugno nella sede del Buon Vicinato Colle dei Pini in via Avellino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

  • Rissa tra giovanissimi in piazza, Fiori (Lega): "I soliti bambocci che creano problemi"

  • Superenalotto, colpaccio a Rimini: centrato un "5" da decine di migliaia di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento