Riccione, vasca di laminazione depuratore: a gennaio la fine dei lavori

Si tratta di un intervento inserito nel piano investimenti di Atersir, che contempla la realizzazione di una ulteriore vasca della stessa capienza, qualora andasse potenziata la regolamentazione e gestione delle acque piovane

Proseguono a ritmo spedito i lavori utili alla funzionalità della vasca interrata di laminazione presso l’impianto di depurazione di via La Spezia. Dopo la pausa forzata degli interventi di scavo, a seguito del ritrovamento di numerosi reperti dell’età del bronzo antico risalente al 2000 a.c. e coordinato nell’attività di rilevamento dalla Soprintendenza dei Beni Archeologici dell’Emilia Romagna, il cantiere è tornato pienamente operativo dallo scorso mese di luglio. Per consentire un agevole e necessario svolgimento dei lavori, la Giunta Comunale nell’ultima seduta ha dato il via libera alla demolizione di due fabbricati pericolanti interferenti con l’esecuzione delle opere idrauliche richieste per la realizzazione della vasca. 

L’intervento complessivo rientra nel piano investimenti di Atersir ( Agenzia Territoriale dell’Emilia Romagna per i Servizi Idrici e i Rifiuti) per un importo di 6 milioni di euro di cui 2.800.000 per la realizzazione del primo stralcio. A conclusione dei lavori, prevista all’inizio di gennaio, e con l’attivazione della vasca di 5mila metri cubi di capienza, sarà quindi possibile tenere costantemente monitorata ogni eventuale problematica in presenza soprattutto di forti precipitazioni e sovraccarico all’impianto di depurazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Con funzione di cuscinetto di compensazione e contenimento delle acque di prima pioggia, la nuova vasca di laminazione avrà il fondo in pendenza per impedire ogni accumulo di materiale e sarà ricoperta da uno strato di terra da un metro di spessore per prevenire la fuoriuscita di cattivi odori che si generano occasionalmente in concomitanza degli eventi di sfioro. Si tratta di un intervento inserito nel piano investimenti di Atersir, che contempla la realizzazione di una ulteriore vasca della stessa capienza, qualora andasse potenziata la regolamentazione e gestione delle acque piovane.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Dipendente positivo al coronavirus, il pub chiude per fare i tamponi a tutto il personale

  • Nuovi casi di Covid pericolosamente vicini a quota 100, Rimini tra i peggiori in regione

  • Aeroporto, nuovo volo al Fellini con partenza da dicembre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento