Inguaiato dalla lite con la fidanzata, trovati farmaci vietati

I Carabinieri, intervenuti sabato pomeriggio in seguito ad una richiesta al 112 per una discussione tra compagni, insospettati dal comportamento del ragazzo

Una banale lite tra fidanzati ha messo nei guai un giovane trentenne riminese. I Carabinieri, intervenuti sabato pomeriggio in seguito ad una richiesta al 112 per una discussione tra compagni, insospettati dal comportamento del ragazzo, hanno deciso di eseguire una perquisizione domiciliare che ha permesso il rinvenimento di una targhetta per ciclomotore, risultata rubata pochi giorni fa, una ricetta medica sottratta ad un medico del luogo, ed oltre ad una sessantina di compresse di farmaci

Si tratta di “Rivotril” e “Bromazepam Teva”, prescrivibili esclusivamente con ricetta medica. Il giovane è stato denunciato per il reato di ricettazione aggravata e continuata. Le indagini da parte del Nucleo Operativo e Radiomobile proseguono per verificare la commissione di eventuali ulteriori reati e verificare possibili complicità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • Muore folgorato mentre scolpisce il legno nella sua abitazione

  • Verso il nuovo Dpcm: l'Emilia-Romagna rischia di diventare zona rossa

  • Risponde a un annuncio di lavoro e finisce nella rete di un maniaco sessuale

  • Il sindaco Parma lancia l'allarme: "Seconda ondata Covid sta colpendo duramente Santarcangelo"

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento