Taxisti abusivi nella rete della Municipale, rischiano maxi multa da 7mila euro

Nei guai due italiani pizzicati a trasportare i giovani da e per le discoteche della Riviera

Durante l’ultimo fine settimana il Corpo Intercomunale di Riccione, Cattolica, Misano Adriatico e Coriano ha svolto un servizio mirato a contrastare l'attività abusiva del servizio taxi nei pressi delle discoteche ubicate tra i comuni di Riccione e Misano Adriatico. Durante tali controlli, svolti in abiti civili, sono state accertate due attività abusive e sanzionate. A finire nella rete della Municipale sono stati un 44enne, residente nella Perla Verde, e un 24enne, originario di Montecatini Terme ma domiciliato a Rimini, pizzicati a caricare i ragazzi rispettivamente su una Mazda e una Fiat. Per i due abusivi è scattato il ritiro della patente che, a seconda della decisione della Prefettura, potrà durare dai 4 ai 12 mesi. Oltre a dover dire addio al loro documento, per entrambi arriverà anche una maxi sanzione che, sempre a discrezione della Prefuttura, potrà variare dai 1777 ai 7108 euro. I servizi della Municipale continueranno anche nei prossimi giorni e per tutta la stagione estiva. Recentemente, inoltre, il Comune di Misano ha incontrato le associazioni di categoria con le quali si sta cercando di predisporre una forma di comunicazione efficace al fine di scoraggiare i giovani frequentatori delle discoteche ad usare i taxi abusivi informandoli della pericolosità a cui vanno incontro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapre un supermercato storico della Riviera: 78 lavoratori e un investimento di 4 milioni

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • "Armato di pistola in piazza Ferrari", Pecci lancia l'allarme sulla sicurezza

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

  • Disse "mare di merda" sui social, arriva il decreto di condanna per diffamazione nei confronti di Rimini

Torna su
RiminiToday è in caricamento