Nessuna sospensione dei lavori, il cantiere del Trc va avanti

Nalla riunione del Comitato di coordinamento per il metrò di costa è stata bocciata la richiesta del sindaco di Riccione, Renata Tosi. "Non sussistono motivi che possano portare allo stop"

Si è riunito oggi, presso la sede della Provincia di Rimini, il Comitato di coordinamento del TRC. Erano presenti il Presidente della Provincia, il Sindaco di Rimini e di Riccione, la Regione Emilia Romagna, il Comune di Cattolica, il Presidente ed il Direttore dell’Agenzia della Mobilità, stazione appaltante dell’opera. La seduta era stata convocata ‘in via urgente e straordinaria’ su richiesta del sindaco di Riccione, Renata Tosi. L’ipotesi di sospensione dei lavori per la realizzazione del metrò di costa in territorio riccionese, avanzata dal sindaco di Riccione, non ha potuto essere in alcun modo valutata dal Comitato di coordinamento in quanto non suffragata da alcuna proposta tecnica e finanziaria da parte dell’Amministrazione di Riccione, che non ha presentato in tal senso alcuna documentazione e perchè nella catena tecnico amministrativa che sostiene la realizzazione del TRC - e che si compone di delibera CIPE, gara d’appalto, contratto con ditta esecutrice i lavori - solo motivazioni straordinarie e regolamentate rigorosamente negli accordi già formalmente sottoscritti potrebbero indurre a una valutazione circa l’opportunità o meno di interrompere il corso dell’intervento. Al Comitato di coordinamento non è giunta o è stata sottoposta agli interlocutori alcuna delle suddette motivazioni.

"Ferma restando - si legge in una nota stampa - la totale disponibilità del Comitato di coordinamento a valutare eventuali modifiche progettuali migliorative dell’intervento e dei suoi obiettivi di miglioramento dal sistema della mobilità costiera, nell’alveo dei suoi poteri, non si può che constatare come ad oggi alcun elemento nuovo sia stato ufficialmente avanzato e sottoposto alla valutazione dei sottoscrittori dell’Accordo di Programma. In definitiva, non sussistendo motivi che giustifichino la sospensione dei lavori e viceversa essendo in corso l’esecuzione di contratti la cui eventuale interruzione comporterebbe penalità e gravi danni sotto il profilo civilistico, i lavori non possono che proseguire in conformità con il programma in attuazione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Alessandro Andreini la combina grossa e viene espulso dal Collegio

  • Arrestato con l'accusa di aver abusato delle due cugine dodicenni, una rimane incinta

  • Una nevicata e oltre 400mila luci per lo show di Riccione Christmas Star con la musica di Ralf

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Muore nella culla a 4 mesi, si indaga per scoprire le cause del decesso

Torna su
RiminiToday è in caricamento