rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Cronaca Riccione

Pista ciclopedonale Marano e Museo Territorio, Giunta approva domande bando regionale

Il sindaco Renata Tosi: "attraverso il bando contiamo di ottenere una quota di finanziamento per due progetti legati alla ridefinizione e riqualificazione del territorio"

La Giunta Comunale di Riccione ha deliberato la presentazione delle domande al bando regionale per i progetti di riqualificazione di beni ambientali e culturali del Por Fesr Emilia Romagna di “valorizzazione delle risorse artistiche, culturali e ambientali” per l’accesso a contributi relativi alla realizzazione di un sentiero storico-naturalistico del torrente Marano e del Museo del Territorio all’interno del contenitore culturale dell’ex fornace in viale Einaudi. Il primo progetto riguarda la riqualificazione della zona Marano attraverso la rinaturalizzazione del torrente, sull’orma di antichi tracciati viari, e la realizzazione di una pista ciclabile lunga tre chilometri e mezzo, di cui un tratto per oltre un chilometro e mezzo su terreno naturale-ecologico, il restante su strada. Sarà complessivamente un’opera di riqualificazione e rigenerazione urbana che dal Marano attraverserà il comune di Coriano fino ai confini con San Marino con un percorso ciclopedonale complessivo di sette chilometri.

Oggetto di domanda di contributo sarà anche la realizzazione della nuova sede del museo del territorio da collocare all’interno delle mure perimetrali della vecchia fornace Hoffmann, posta a fianco alla scuola media Geo Cenci, recuperata recentemente con un intervento di adeguamento sismico del corpo di fabbricato dove era presente originariamente il forno di cottura dei laterizi. Nel contenitore culturale, che si estende per una lunghezza di 60 metri e una larghezza di 20, verrà ricavato il museo posizionato in due piani. Al piano terra, come predisposto nel progetto preliminare dell’Amministrazione Comunale, sono previste una sala conferenze e due aule didattiche divise da pareti mobili per modulare complessivamente gli spazi necessari, a seconda delle esigenze didattiche, con una superficie massima di 200 mtq; un’area lettura e una caffetteria. Al primo piano  troveranno spazio il museo vero e proprio nella sala espositiva di 450 mtq e il deposito reperti, con pavimenti in vetro per 140 mtq.

Oltre al carattere didattico e l’esposizione del materiale esposto come parte integrante del territorio, verranno fornite tutte le indicazioni per raggiungere, anche in bicicletta, i luoghi dove approfondire gli argomenti trattati nel museo e avere una conoscenza diretta e immediata del territorio. Strumenti digitali interattivi forniranno informazioni al fruitore del museo.

“L’Amministrazione comunale – afferma il sindaco Renata Tosi – attraverso il bando conta di ottenere una quota di finanziamento per due progetti legati alla ridefinizione e riqualificazione del territorio. Dal recupero ambientale e paesaggistico della zona Marano, nella quale andremo a creare una inedita zona di mobilità ecosostenibile, oltre che di recupero con una valida valenza turistica, fino alla nuova collocazione del nostro museo del territorio. In quest’ultimo caso, l’attuale biblioteca potrà disporre di maggiori spazi e allo stesso tempo l’allestimento dell’attuale museo che risale a trent’anni fa, avrà una sede migliore”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pista ciclopedonale Marano e Museo Territorio, Giunta approva domande bando regionale

RiminiToday è in caricamento