rotate-mobile
Cronaca Riccione / Via Portovenere

Sensoli (M5S): "A causa del Trc disagi per i residenti di via Portovenere"

Infiamma la polemica dopo la cantierazione della strada che lascia solo uno spazio esiguo dove è impossibile entrare e uscire da garage e cortili

Non c'è pace per i residenti di via Portovenere, a Riccione, costretti a fare i conti con il cantiere del Trc. Ad accendere la polemica, nella giornata di martedì, è stata la chiusura della strada con un preavviso minimo obbligando, quelli che hanno garage e cortili, a sgomberare in tutta fretta per evitare che le auto rimanessero bloccate all'interno. Mercoledì mattina, all'arrivo degli operai per proseguire la cantierazione, i molto mugugni dei residenti hanno fatto intervenire anche alcune pattuglie dei carabinieri per evitare che gli animi si scaldassero. Sulla vicenda è intervenuta la consigliera regionale dei grillini, Raffaella Sensoli, che si è presentata in via Portovenere per rendersi conto di persona della situazione che si è venuta a creare nella Perla Verde.

"Stamane, come avevo promesso, mi sono recata personalmente  in Via Portovenere a Riccione, sul cantiere del TRC - spiega la consigliera pentastellata. - Ho constatato che quanto mi avevano riferito ieri corrispondeva a verità e cioè che i residenti, a causa dei lavori in corso, avrebbero visto limitare lo spazio di entrata alle loro abitazioni ad un metro e venti centimetri. Nell’occasione ho raccolto informazioni anche da un responsabile del cantiere e dall’Assessore ai Lavori Pubblici Cesarini. Pare  (dico pare solo perché faccio fatica a crederci) che l’occupazione provvisoria sia dovuta allo spostamento di un sottoservizio, precisamente quello delle fogne, per permettere il passaggio del TRC. C’è solo un piccolissimo problema. Prima si è realizzato il cantiere del TRC e solo dopo ci si è preoccupati del sottoservizio, mentre la logica delle azioni avrebbe voluto che prima si agisse sul sottoservizio, lasciando la strada occupata solo per quel che serviva. La questione però è che il Trasporto Rapido Costiero avanza come una malattia e la fretta con cui si perseguono i vari “obbiettivi di non ritorno” non lascia spazio alle esigenze dei cittadini. Il risultato sono lacrime e rabbia, come posso direttamente testimoniare".

"Rinnovo il mio invito al Sindaco Tosi - conclude la Sensoli - a non lasciare che la sicurezza dei suoi cittadini venga messa in discussione per la sopravvivenza di un opera che nessuno ha mai voluto, se non coloro contro i quali si è presentata alle scorse elezioni. In 120 cm non passano ambulanze, tanto meno Vigili del Fuoco… capisco che Hera e Agenzia Mobilità siano brutti clienti, ma non possono venire prima della Sicurezza dei cittadini di cui un Sindaco è il diretto garante. Direi di smetterla di far finta che taluni accadimenti si manifestino inaspettati e di cominciare (perlomeno) a promuovere una corretta informazione con chi subisce le angherie dei cantieri che entrano nelle soglie di casa. Stamane i residenti erano convinti di dover passare tra gli alberi e le ringhiere per uscire dalle abitazioni e per prestare assistenza ai loro invalidi. La situazione non era proprio così, ma non per questo meno grave".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sensoli (M5S): "A causa del Trc disagi per i residenti di via Portovenere"

RiminiToday è in caricamento