menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Senzatetto pesta a sangue l'anziana benefattrice che lo aveva accolto in casa

L'uomo, un 40enne milanese, ha picchiato e maltrattato la donna, una 75enne riccionese vedova e senza figli, che da 2 anni lo aveva accolto nela propria abitazione fornendogli anche vitto e alloggio

Si è conclusa con l'arresto di un 40enne milanese, già noto alle forze dell'ordine e senza fissa dimora, la brutta avventura di una 75enne riccionese, vedova e senza figli, che mossa a pietà aveva accolto il senzatetto nella propria abitazione. Tutto era iniziato nel 2012 quando l'anziana, residente nei pressi della Caritas della Perla Verde, aveva conosciuto lo sbandato e aveva deciso di aiutarlo fornendogli vitto e alloggio. Come riconoscenza, il 40enne aveva subito iniziato a vessare l'anziana benefattrice tanto da mantenerla in una forte sudditanza psicologica. L'uomo, spesso, rientrava a casa completamente ubriaco e, a farne le spese, era la 75enne che veniva maltrattata e insultata costantemente fino a quando, nel novembre del 2013, il milanese in preda ai fumi dell'alcol ha avuto un eccesso di violenza. Mentre l'anziana gli stava preparando la cena, è iniziata una sequela di insulti culminata con un'aggressione. L'anziana è stata colpita con un forte pugno alla schiena per poi essere spintonata violentemente sul letto tanto da riportare serie lesioni al setto nasale e alle costole.

Atterrita, la 75enne ha chiesto aiuto all'amministratore di sostegno che, arrivato sul posto, l'ha portata immediatamente in pronto soccorso dove le sono state diagnosticate lesioni giudicate guaribili in 25 giorni. A quel punto è scattata la denuncia e in quell'occasione l'uomo era stato arrestato per violenza, lesioni anche a pubblico ufficiale. Al 40enne era stato quindi imposto il divieto di dimora nella provincia di Rimini, un obbligo mai ottemperato dall'uomo, che lo ha fatto finire nuovamente in carcere ma, una volta uscito, ha continuato a maltrattare l'anziana benefattrice fino a quando, nella serata di martedì, è stato nuovamente ammanettato dai carabinieri di Riccione, in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del Tribunale di Rimini, con le accuse di maltrattamenti e lesioni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Attualità

Famija Arciunesa premia i vincitori del concorso "Vota il presepe"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento