Sindaco, assessore e dirigenti indagati per i mancati divieti di baleazione

Tempesta sul Comune di Riccione accusati di omissione di atti d'ufficio e abuso d'ufficio

Stretta finale per l'inchiesta che vede indagati il sindaco di Riccione, Renata Tosi, l'assessore all'Abiente, Susanna Vicarelli,  un dirigente comunale e un dirigente dell’Ausl di Rimini accusati di omissione di atti d'ufficio e abuso d'ufficio. La questione riguarda i divieti di balneazione delle estati 2015 e 2016 e, in particolare, la mancanza delle ordinanze quando i parametri delle acque nei tratti di mare alla foce del Marano e del rio Asse sforavano a causa dell'inquinamento. Tutti gli indagati, a partire dal prossimo primo febbraio, verranno ascoltati dal pubblico ministero che coordina l'indagine il quale, poi, dovra decidere se chiedere il rinvio a giudizio o l'archiviazione delle loro posizioni.

"Sono stata informata dalla stampa locale - ha commentato il sindaco di Riccione, Renata Tosi - che sarei iscritta, con un assessore un dirigente comunale, nel registro degli indagati, per la mancata o tardiva emissione dei divieti di balneazione per le annualità 2015-2016. Affronterò serenamente questa situazione consapevole nel mio profondo di essermi impegnata in maniera onesta nel pieno rispetto della legge e della salute pubblica. I principi che hanno ispirato, nel passato come nel presente, le mie azioni nella vita personale ed in quella istituzionale sono sempre state improntate sul rispetto delle regole impegnandomi ad agire per il bene della mia città. La tutela del nostro mare rappresenta un obiettivo primario, mai sottovalutato ma per il quale stiamo lavorando con azioni concrete".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Stiamo procedendo a ritmo spedito - conclude il primo cittadino - alla realizzazione della vasca di laminazione per intercettare le acque in eccesso che arrivano al depuratore limitandone la portata nei casi di precipitazioni abbondanti con sicuro sgravio degli sversamenti in mare ed chiari effetti positivi sulla qualità delle acque di balneazione. E’ notizia degli ultimi giorni che stiamo intervenendo con una serie di ulteriori interventi mirati per potenziare la fognatura bianca e, in collaborazione con i cittadini, andremo ad adeguare gli allacci privati con l’eliminazione delle acque meteoriche dalla rete fognaria nera. Azioni concrete che mirano a garantire una crescente qualità del nostro mare. Fornirò ogni chiarimento alla magistratura,  convinta dell’impegno e della correttezza che ci hanno guidati in questi anni per il bene dell’intera collettività".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul campo da calcio, muore a 9 anni mentre gioca con gli amici

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Un locale del Riminese tra i migliori bar d'Italia premiati dal Gambero Rosso

  • Ammazza la moglie a martellate e poi si costituisce

  • Studentessa si accascia sull'autobus, ricoverata in condizioni critiche

  • Riccione piange don Giorgio, il sacerdote si è spento per il Coronavirus

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento