menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Non sono uno spacciatore ma un estimatore delle droghe", condannato a 10 mesi

Singolare tesi difensiva per lo spacciatore arrestato dai carabinieri, la sera di Pasqua, mentre cercava di vendere le sostanze stupefacenti fuori da una nota discoteca riccionese

Non ha retto, in Tribunale, la singolare tesi difensiva di un 27enne anconetano fermato dai carabinieri, nella notte tra sabato e domenica, fuori da una nota discoteca riccionese con 19 dosi di anfetamine, per un totale di 30 grammi, già pronte per lo spaccio. Processato la mattina di Pasqua per direttissima il giovane, già conosciuto dalle forze dell'ordine per reati legati agli stupefacenti, si è difeso davanti al giudice sostenendo di non essere un pusher ma "un estimatore delle droghe sintetiche". Il 27enne ha poi tenuto a precisare di realizzare artigianalmente, nella propria abitazione, il mix di ecstasy e altri tipi di derivati di lsd per creare un cockatil allucinogeno "di estrema qualità". Proprio per "permettere a tutti di comprendere l'ottima qualità del prodotto ottenuto", l'anconetano ha ammesso di essere andato nella discoteca a "promuovere" i suoi mix allucinogeni. Una versione che non ha assolutamente convinto il giudice ma il 27enne, quando si è visto messo alle strette, ha rifiutato categoricamente di patteggiare la pena e di andare agli arresti domiciliari preferendo il carcere. Al magistrato non è quindi restato altro da fare che condannare il ragazzo a una pena di 10 mesi e 20 giorni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento