Sportello sociale assistenza e casa, nel 2014 oltre 300 le persone incontrate

Nel 2014 si sono rivolti 364 utenti allo Sportello Sociale del Comune di Riccione per un colloquio facendo registrare un aumento a causa della crisi economica

Nel 2014 si sono rivolti 364 utenti allo Sportello Sociale del Comune per un colloquio, l’età media oscilla tra i 40 e i 50 anni, la fascia d’età lavorativa che, rispetto al passato risente maggiormente della difficoltà di trovare un’occupazione per effetto della crisi economica. I contributi erogati dai Servizi Sociali ammontano a 285mila euro. In particolare per l’affitto rappresentano il 42,64% del totale per un importo di 121 mila euro, per il pagamento delle rette alle case di riposo le richieste si avvicinano a poco più del 15%  per 45 mila euro mentre per le utenze, acqua, luce e gas al 13% per 37mila euro. Nello stesso anno 25.000 euro sono invece le risorse messe a disposizione per le spese di sostentamento. 17 mila euro sono stati destinati a 41 famiglie che hanno chiesto sostegno per il pagamento delle rette scolastiche . Oltre 8.000 euro impiegati per il pernottamento presso residence, luogo temporaneo di alloggio in vista di una dimora più stabile.

Considerate le situazioni di criticità familiari, l’Amministrazione Comunale oltre ai 285 mila euro erogati in totale nel 2014, ha aggiunto 22 mila euro per il fondo sociale d’affitto che con i 147mila di risorse regionali per un totale di 170mila euro ha dato risposta a 320 richieste d’aiuto. “Da questi dati -  afferma l’Assessore ai Servizi Sociali Laura Galli - emerge come gli effetti della crisi continuino a farsi sentire anche sul tessuto sociale riccionese. La volontà dell’Amministrazione Comunale è quella di continuare ad investire fortemente sul sociale. Rimane prezioso il lavoro dei nostri assistenti sociali di consulenza ed ascolto dei cittadini che si rivolgono ai nostri sportelli come prima azione di supporto a chi si trova ad attraversare situazioni di disagio. Risorse che l’amministrazione mette a disposizione per facilitare le persone che attraversano periodi di crisi temporanea a riacquistare una graduale autonomia. Oltre alle risorse investite nel 2014  è ancora aperto, fino ad esaurimento fondi, il bando per il 2015 a sostegno degli inquilini che hanno difficoltà a pagare il canone d’affitto dovuta alla perdita di lavoro per licenziamento, cassa integrazione, malattia grave o infortunio. Una opportunità da cogliere rivolgendosi ai nostri uffici, consapevoli che il Comune è il principale punto di riferimento per i cittadini”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • La fortuna bacia la Romagna con un "gratta e vinci" da due milioni di euro

  • Continua la galoppata dei nuovi contagiati, alunni della materna in quarantena

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Facoltoso ristoratore intasca il reddito di cittadinanza

  • Il romagnolo ex fidanzato di Belen torna in tv tra i corteggiatori di "Uomini e Donne"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento