Salvaguardia del mare, gli studenti scrivono al sindaco Tosi e scoprono il cestello mangiaplastica

I ragazzi hanno incontrato il primo cittadino e visto da vicino come funziona il Seabin al porto

Gli alunni della classe di prima media ( I E ) dell’Ic1 “ Geo Cenci” hanno scritto di proprio pugno una lettera indirizzata al sindaco Renata Tosi per chiedere un incontro al porto di Riccione dove è stato installato recentemente il Seabin, un dispositivo legato al progetto LifeGate Plasticless e sostenuto da Volvo che, immerso in acqua, aspira plastica nell’acqua del mare. Giovedì mattina i ragazzi hanno così incontrato il primo cittadino, assieme agli assessori ai servizi educativi Alessandra Battarra e al demanio Andrea Dionigi Palazzi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La visita del Seabin rappresenta il momento conclusivo di un ampio progetto partito nei mesi scorsi in cui i ragazzi, suddivisi in gruppi e coordinati dalla insegnante di scienze, hanno affrontato il tema della salvaguardia del mare a causa dei rifiuti abbandonati in acqua. Una problematica legata al Ghost Fishing, ossia alle reti dei pescatori che quando vengono perse o lasciate in mare, possono diventare trappole mortali per i pesci, oltre che essere inquinanti. Un tema appassionante per i ragazzi che hanno scritto al sindaco “lei e il suo team ci avete dimostrato di essere molto attenti al problema dell’inquinamento nella nostra Riccione, abbiamo letto del cestino mangiaplastica per raccogliere plastica in mare”. L’incontro di questa mattina ha permesso così ai ragazzi di vedere da vicino come funziona il Seabin, per il quale venerdì 7 giugno si terrà in un incontro a Milano dal titolo “ Sosteniamo il pianeta, in strada come i mare” in casa Volvo. L’iniziativa vede la partecipazione dell’amministrazione comunale tra le località italiane distintesi per una particolare attenzione e sensibilità alla salute del mare. Gli amministratori durante la visita degli studenti hanno sottolineato loro l’importanza di contribuire alla pulizie del mare e delle spiagge, ma anche e soprattutto il dovere e la necessaria consapevolezza di non buttare i rifiuti, che siano plastica o mozziconi di sigaretta in acqua, in spiaggia e, in generale, sulla strada. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • La fortuna bacia la Romagna con un "gratta e vinci" da due milioni di euro

  • Continua la galoppata dei nuovi contagiati, alunni della materna in quarantena

  • Carlo Cracco vignaiolo, lo chef inizia la vendemmia nella sua tenuta

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Facoltoso ristoratore intasca il reddito di cittadinanza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento