Tanto tarocche da essere autentiche, il senegalese vendeva vere borse di Gucci

Fermato dai carabinieri di Riccione, la merce venduta dall'extracomunitario sembrerebbe essere a tutti gli effetti autentica. Si indaga per scoprirne la provenienza

Incredibile ma vero, questa volta le borse 'taroccate', vendute da un senegalese sulla spiaggia e sequestrate ieri sera dai carabinieri di Riccione, potrebbero essere addirittura autentiche. Una vera e propria fortuna in accessori di Gucci, Louis Vuitton e Fendi, vendute tra i 150 e 200 euro al popolo dei vacanzieri, che all'esame, al momento, dei militari di Riccione hanno destato qualche dubbio sulla provenienza tanto da far sospettare che si possa trattare di merce vera. Un vero e proprio affare quello fatto dai turisti che le hanno acquistate prima che, verso le 19.30 di lunedì, lo straniero venisse fermato dai militari dell'Arma. Il senegalese camminava tranquillamente con i borsoni di plastica colmi di borse firmate, nei pressi del Bagno 72. Al momento sono in corso le indagini per capire se le borse siano veramente autentiche e provengano da un furto messo a segno ai danni delle case di moda. Nel frattempo, comunque, il senegalese è stato denunciato per ricettazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Arrestato con l'accusa di aver abusato delle due cugine dodicenni, una rimane incinta

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Guida Michelin 2021, le "stelle" brillano nel Riminese con una novità

  • Muore nella culla a 4 mesi, si indaga per scoprire le cause del decesso

  • Rapina a mano armata in pieno giorno, preso di mira un supermercato

Torna su
RiminiToday è in caricamento