Domenica, 26 Settembre 2021
Cronaca Riccione

Riccione Terme, struttura aperta con servizi e cure in sicurezza

La presidente Piccioni: "Le nostre procedure sono scrupolose e finalizzate alla tutela della salute dei nostri ospiti e dei nostri collaboratori con l'applicazione di rigidi protocolli"

La struttura Riccione Terme è aperta nel pieno rispetto di quanto previsto nel Dpcm di lunedì e prosegue regolarmente nell'erogazione dei servizi. Il centro termale è da sempre presidio sanitario ed eroga prestazioni rientranti nei livelli essenziali di Assistenza (Lea). Sono attivi tutti i servizi tra cui, visite mediche, cure termali, fanghi, bagni, cure inalatorie, cure per la sordità rinogena, cure per vasculopatie, piscine termali, è attivo fisia, il centro di riabilitazione fisioterapia, e il poliambulatorio con le visite specialistiche. "Riccione Terme garantisce la sicurezza di tutti i servizi attraverso l’applicazione del protocollo “Terme Sicure” varato dalla Fondazione per la Ricerca Scientifica Termale (FoRST) in accordo con le ordinanze e le linee guida regionali e nazionali. Le nostre procedure sono scrupolose e finalizzate alla tutela della salute dei nostri ospiti e dei nostri collaboratori con l’applicazione di rigidi protocolli che consentono la fruizione delle cure in sicurezza e tranquillità", spiega Roberta Piccioni presidente Riccione Terme.

L'impianto è Centro termale classificato 1° livello super ed è convenzionato con il Sistema Sanitario Nazionale e Inail. "Le nostre acque termali sulfuree salsobromoiodiche e magnesiache sono un farmaco naturale riconosciuto dal Ministero della Salute per le sue molteplici proprietà, tra le quali le attività antinfiammatoria e di modulazione e stimolazione del Sistema Immunitario. La nostra équipe di medici specialisti e di operatori qualificati si prende cura degli ospiti durante tutto il ciclo di trattamenti, è sempre garantita la costante presenza del personale medico", conclude Piccioni.

Il presidente Federterme/Confindustria Massimo Caputi evidenzia come “Conte, Speranza e Bonaccini hanno compreso, in un momento drammatico per il Paese, l’importanza del sistema termale italiano. Nel nuovo dpcm si autorizza espressamente il mantenimento in attività dei centri termali e i loro alberghi dotati di presidio sanitario. Le terme italiane, autorizzate dal Ministero della Salute e dalle Regioni, sono punto di eccellenza e sicurezza al servizio della comunità è ancora più necessarie in epoca Covid e post Covid. Il protocollo ‘Terme Sicure’ ha garantito assenza di contagio.”

Il presidente del circuito termale dell'Emilia Romagna, Lino Gilioli, dichiara che le terme del territorio "sono da sempre presidi sanitari a difesa della salute in virtù della qualità delle acque termali, della qualificazione del personale e dell'assetto organizzativo che vede nella presenza continua dei medici un punto di forza delle proprie attività. Il Dpcm riconferma e rafforza, pur in questa difficile situazione, l'attività di tutti i nostri centri termali. Terme aperte e in sicurezza".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riccione Terme, struttura aperta con servizi e cure in sicurezza

RiminiToday è in caricamento