Cronaca Viale San Martino

Tradito dalla coppola e dal neo, arrestato il rapinatore di banche

Il malvivente aveva messo a segno un colpo ai danni della Banca Popolare dell'Emilia Romagna lo scorso giugno

E' stato individuato e arrestao dai carabinieri della Compagnia di Riccione il malvivente che, lo scorso 28 giugno, aveva messo a segno una rapina ai danni della filiale di via San Martino della Banca Popolare dell'Emilia Romagna. L'uomo, Cristoforo Di Bartolo 55enne originario della Sicilia e già noto alle forze dell'ordine per reati analoghi, era entrato in azione nel primo pomeriggio. Con una coppola in testa e con una bandana, che copriva parzialmente il volto, era entrato nell'istituto di credito armato di un taglierino. In quel momento, oltre ai 4 dipendenti, erano presenti anche diversi clienti che si erano ritrovati il rapinatore davanti agli occhi. Il sistema antifurto della banca, tuttavia, era entrato in funzione bloccando la cassaforte e, il 55enne, si era dovuto accontantare dei contanti presenti nei portafogli di dipendenti e clienti per poi fuggire a piedi facendo perdere le proprie tracce.

Grazie ai filmati delle telecamere a circuito chiusto, tuttavia, gli inquirenti dell'Arma erano riusciti ad individuarlo sia grazie alla coppola che per un neo sulla guancia che ha permesso di indentificarlo. Di Bartolo, vecchia conoscenza delle forze dell'ordine, in quel periodo era sottoposto al regime di libertà vigilata a Montescudo e, il suo cellulare, era stato agganciato dai ripetitori proprio nella zona della banca. Il 55enne, nel frattempo, era stato arrestato a Milano per altre rapine e, nella giornata di venerdì, gli è stato notificato la nuova ordinanza di custodia cautelare in carcere nella sua cella di San Vittore.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tradito dalla coppola e dal neo, arrestato il rapinatore di banche

RiminiToday è in caricamento