Cronaca

Ricercatore dell'Alma Mater arrestato in Egitto: il sostegno di Arcigay

Arcigay Emilia-Romagna esprime grande preoccupazione per quanto sta accadendo a Patrick George Zaki, studente dell'Università di Bologna e militante per i diritti umani e civili arrestato in Egitto

Arcigay Emilia-Romagna esprime grande preoccupazione per quanto sta accadendo a Patrick George Zaki, studente dell'Università di Bologna e militante per i diritti umani e civili arrestato in Egitto. "L'arresto su basi pretestuose, l'isolamento, la tortura e l'aver negato i diritti fondamentali a Zaki non sono solo una inaccettabile violazione della sua persona, ma una chiara presa di posizione dell'Egitto sul tema della libertà di espressione e dei diritti umani e civili, ancora più grave se letto in continuità con la tragica e irrisolta vicenda di Giulio Regeni - commenta il coordinatore Marco Tonti, presidente di Arcigay Rimini 'Alan Turing' - Esprimiamo il nostro sostegno a Zaki e ai suoi familiari, amici e amiche, e ci auguriamo che l'Italia intervenga per favorire una rapida risoluzione di questa circostanza anche per dichiarare fermamente che chi si batte per i diritti deve sempre essere garantito nella sua libertà e azione".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ricercatore dell'Alma Mater arrestato in Egitto: il sostegno di Arcigay

RiminiToday è in caricamento