Richiesta di decadenza del vicesindaco, condannati tre riminesi

Come si ricorderà il Tribunale di Rimini, nel settembre 2011, aveva giudicato infondato il ricorso, riconoscendo l’insussistenza della richiesta di decadenza

Hanno rinunciato al giudizio d'appello e sono stati condannati al rimborso delle spese legali i tre cittadini riminesi che avevano impugnato la sentenza del Tribunale di Rimini che, nel settembre 2011, aveva giudicato infondata la richiesta di decadenza della Dott.ssa Gloria Lisi dalla carica d'assessore e vicesindaco. Venerdì scorso, la Corte d'Appello di Bologna, prendendo atto della richiesta di rinuncia avanzata dai proponenti il ricorso, ha così dichiarato con propria sentenza l’estinzione del processo e condannato Pierino Chierighini, Edgardo Fratti e Marisa Lea Marcaccini a rimborsare le spese legali sia al Vicesindaco Lisi che al Comune di Rimini nella misura di 2.160 euro ciascuno.

“Con questa sentenza - ha commentato il sindaco di Rimini Andrea Gnassi - si chiude una vicenda che non esito a definire spiacevole dal punto di vista umano e molto brutta da quello politico. E’ stato infatti evidente, con questa azione giudiziaria pretestuosa, il tentativo di intimidire Gloria Lisi e tutta la Giunta nella fase iniziale del mandato amministrativo. Tentativo ancor più deprimente visto che il Governo della città nato all’inizio dell’estate 2011 si è coagulato intorno a un progetto di rinnovamento, che ha visto coinvolte in larga parte personalità della società civile, giustamente non avvezze a tali sconfortanti metodi di fare politica.

Non ho mai commentato la vicenda lasciando che la giustizia facesse il suo lavoro. Oggi che è proprio la giustizia a dare un giudizio definitivo su chi ha insinuato un voto di scambio per la nomina di Gloria Lisi, mi permetto di aggiungere un elemento. Non conoscevo Gloria quando le ho chiesto di far parte della squadra e della nuova scommessa per la città. Semplicemente sentendo l’esigenza di coinvolgere competenze e società civile, ho ritenuto che la sua figura di donna, madre, plurilaureata, impegnata in prima linea per i bisogni delle persone, poteva essere di grande forza per la città. Mi auguro che chi ha messo in piedi questa inutile messinscena, abbia tratto una salutare lezione per il futuro.”

Come si ricorderà il Tribunale di Rimini, nel settembre 2011, aveva giudicato infondato il ricorso, riconoscendo l’insussistenza della richiesta di decadenza in quanto Lisi aveva tempestivamente rimosso ogni causa di incompatibilità per avere rassegnato le proprie dimissioni dalle funzioni ricoperte all'interno dell'Associazione di volontariato all'atto della nomina quale assessore da parte del Sindaco.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • Verso il nuovo Dpcm: l'Emilia-Romagna rischia di diventare zona rossa

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

  • Rissa tra giovanissimi in piazza, Fiori (Lega): "I soliti bambocci che creano problemi"

Torna su
RiminiToday è in caricamento