Riciclaggio di denaro, Rimini la provincia più esposta in Regione

Secondo il report di Uif-Banca d'Italia un caso ogni 112 imprese e con 518 segnalazioni partite dagli istituti di credito

Emilia-Romagna in calo, dal quinto al sesto posto, per quanto riguarda le segnalazioni di riciclaggio nel primo semestre 2020. Citando il report di Uif-Banca d'Italia, è la Cgil a diffondere da Modena in particolare l'ottantina di pagine e tabelle in ballo. La classifica grigia di chi ne conta di più, al momento, recita Lombardia, Campania, Lazio, Veneto, Sicilia e appunto Emilia-Romagna: rispetto all'anno precedente, l'Emilia-Romagna quindi sembra flettere. Posto che si tratta di segnalazioni più che fondate, nel senso che Bankitalia scrive che ne ha trasmesse ben 86,9% agli organi investigativi "valutandone la gravità finanziaria", il sindacato insiste facendo riferimento ad altri elementi. La tabella dell'Emilia-Romagna, lungo un trend "certamente preoccupante" anche per la Cgil, registra 3.484 segnalazioni raccolte dalla Banca d'Italia negli ultimi sei mesi: significa un calo del 6% e dell'11% rispetto al primo e al secondo semestre dell'anno scorso, nell'ambito di "una tendenza che speriamo sia mantenuta dal nostro sistema economico-produttivo-professionale si augura il sindacato con il proprio funzionario modenese Franco Zavatti. Che aggiunge: "Restano comunque dati allarmanti, se pensiamo che da questi nostri territori regionali sono 20 le segnalazioni sospette che partono ogni giorno, domenica compresa". Appaiono particolarmente pesanti i dati in alcune province: se la prima è Bologna, con 824 'riciclaggi' segnalati, seguono Modena con 518 (ne parte una ogni otto ore) e Reggio Emilia, Parma, Rimini, Forlì, Ravenna, Ferrara e Piacenza. I settori produttivi più "esposti e colpevoli", inoltre, riguardano l'industria, l'edilizia, l'agricoltura, il commercio e i servizi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E se si rapporta il numero di segnalazioni partite dall'Emilia-Romagna con le 454.252 di tutte le imprese registrate in regione, spunta il dato di "un fascicolo di 'riciclo' aperto ogni 131 ditte": Rimini è la più esposta con un caso ogni 112 imprese, mentre Reggio ne ha uno ogni 114, Bologna uno ogni 116 e Modena uno ogni 138, fino a Piacenza con uno ogni 166. Aggiunge il sindacato nel suo report: "Sconcerta non poco osservare la mappa nazionale del virus 'Money Transfer' che mostra provincia per provincia i trasferimenti di denaro sporco verso i cosiddetti 'paradisi fiscali'; in ordine di accoglienza paradisiaca sono Romania, Marocco, Pakistan, Senegal e Albania", con "le province emiliano-romagnole fra le più rosse".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Dipendente positivo al coronavirus, il pub chiude per fare i tamponi a tutto il personale

  • Nuovi casi di Covid pericolosamente vicini a quota 100, Rimini tra i peggiori in regione

  • Aeroporto, nuovo volo al Fellini con partenza da dicembre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento