Riminesi buongustai, è caccia ai prodotti di nicchia e a chilometro 0 sul web

In Italia nel 2017 il mercato online Food&Grocery vale 812 milioni di euro, premiate le nuove aziende capaci di fornire servizi innovativi

Cresce la propensione degli italiani a comprare prodotti alimentari ed enogastronomici online: nel 2017 il mercato online Food&Grocery vale 812 milioni di euro (in aumento del 37%), pari allo 0,5% del totale acquisti Retail del settore. Nel 2017 gli acquisti via smartphone nel Food&Grocery valgono circa 200 milioni di euro, pari al 26% del totale ecommerce del comparto (erano il 18% nel 2016). Se aggiungiamo gli acquisti da Tablet la penetrazione sale al 39% della domanda online (dati dell’osservatorio ecommerce B2C). Nel Food&Grocery la componente principale – in termini di valore degli acquisti – è rappresentata dall’alimentare, pari al 87% del comparto, per un valore di 708 milioni di euro, in crescita del +39% rispetto al 2016. La componente Health&Care, legata ai prodotti acquistati principalmente sui siti dei supermercati e dei produttori, incide per il restante 13% del comparto e vale 104 milioni di euro, in crescita del +26%. L’alimentare è composto per il 54% dai prodotti “secchi” (ossia confezionati e non soggetti a temperatura controllata, incluso il caffè), per il 31% dai prodotti “freschi” (ossia a temperatura controllata, inclusi il cibo pronto e la verdura/frutta), il 9% dalle “bevande alcoliche” (birra, vino, distillati e liquori), il 5% dalle “bevande analcoliche” (acqua, bibite e succhi) e l’1% dai prodotti “surgelati”. Se la crescita del settore è dovuta all’avviamento e al potenziamento di iniziative della grande distribuzione, al consolidamento di interessanti progetti in ambito Enogastronomia, allo sviluppo di servizi innovativi come il same day delivery e alla rapida espansione del segmento dei piatti pronti, una buona parte è anche legato all’offerta di prodotti di nicchia del proprio territorio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il riminese Alessandro Meluzzi, proprio in questo settore, ha aperto una realtà imprenditoriale, Home Gourmet, mettendo in contatto i produttori di alimenti di nicchia e i clienti. "Vogliamo valorizzare anche i prodotti a chilometro zero - spiega Meluzzi - del nostro territorio, come il prosciutto e maiale fresco di Carpegna. Il tutto a prezzi interessanti e competitivi, sia per i privati che per i ristoranti. Sempre del territorio ci sono i prodotti di mora romagnola ma, anche, vini e confetture e formaggi di fossa. Piano piano il range di prodotti si sta ampliando ma, quello che è difficile, è riuscire a coniugare le tempistiche del produttore che, attualmente, consegna solo due giorni a settimana. Ci sono anche alcune specialità straniere, tipo formaggi francesi e carni selezionate di nicchia, ma i prezzi sono più alti. Il cliente tipo va dal ragazzo, che abita da solo e vuole mangiare bene, o la famiglia che scopre un prodotto di qualità superiore a un prezzo inferiore rispetto alla grande distribuzione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bagno in mare all'alba, una ragazzina muore annegata

  • Spot choc a danno della Riviera per promuovere la Calabria, rispetto al nord a rischio Covid

  • Suv tira dritto alla rotatoria, mamma e figlio in scooter centrati in pieno

  • Tragedia sulle strade, militare di stanza a Rimini perde la vita con la figlia 13enne

  • Movida senza mascherine, nei guai diversi locali: multati anche baristi e clienti

  • Notte Rosa, svelate le anticipazioni sull'edizione 2020

Torna su
RiminiToday è in caricamento