Circa 300 riminesi hanno fatto la valigia per l'estero: sono giovani e laureati

A fare le valigie sembra siano soprattutto giovani italiani, spesso laureati, che si trasferiscono prevalentemente in Gran Bretagna o in Germania

Sono circa 300 i riminesi espatriati durante il 2015 per cercare opportunità e fortuna all'estero. Anno dopo anno sono così diventati 9.159 i cittadini riminesi, il 6% sul totale della popolazione, iscritti al primo gennaio scorso all'Aire (Anagrafe degli italiani residenti all’estero), in cui si può richiedere di comparire dopo almeno un anno di permanenza oltre frontiera; un numero che pone Rimini al ventiduesimo posto nel Paese, in una graduatoria guidata dalle grandi città. I numeri sono quelli del “Rapporto Italiano nel mondo 2016” stilato dalla Fondazione Migrantes.

A livello provinciale Rimini si posiziona al quarto in Regione, rispettivamente dopo Bologna, Parma e Modena, con un totale di oltre 22 mila residenti all'estero iscritti all’Aire; una cifra che vale più o meno come ipotetica grandezza come il terzo Comune più popoloso in provincia.Il Comune di Verucchio è quello con la percentuale di migrazione più alta, il 10,8%, staccando la già citata Rimini e realtà come Riccione e Santarcangelo di Romagna (entrambi intorno al 5,3% sul totale complessivo di abitanti). Si tratta di numeri che, pur sottostimati, perchè non tutti gli Italiani all'estero chiedono di comparire nella lista dell'Aire o di cambiare residenza, rendono comunque l'idea di un fenomeno che si pensava relegato al passato, ai bisnonni che con valigie di cartone salutavano l'Italia per cercare pane e lavoro all'estero.

Ma oggi a fare le valigie sembra siano soprattutto giovani italiani, spesso laureati, che si trasferiscono prevalentemente in Gran Bretagna o in Germania, per trovare nuovi stimoli e maggiori opportunità di realizzazione personale e professionale. “Anche per un numero importante di giovani riminesi - è il commento di Mattia Morolli, assessore alle politiche giovanili del Comune di Rimini - il trasferimento all’estero, per scelta di vita o di lavoro, sta diventando una prospettiva reale. Circa il 42% dei Riminesi espatriati ha infatti una età compresa tra i 18 e i 34 anni. Molti di questi, magari in continuità con periodi di studi o stage all'estero, scelgono di rimanere fuori dall'Italia perchè trovano maggiori stimoli e prospettive di crescita professionale".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Emigrazione qualificata in grado di competere nei mercati occupazionali più specializzati in tutta Europa. Infatti, tutti gli analisti concordano nel rimarcare come sia il patrimonio di competenze e altissimi studi la caratteristiche principale di chi si trasferisce all’estero - continua Morolli -. Accanto ad essa convivono però anche segnali di una emigrazione vecchia maniera, legata a fenomeni di impoverimento. In una società sempre più globalizzata si tratta di tendenze comuni in tutto il paese e prevedibilmente in crescita anche nei prossimi anni. Auspico però che, sopratutto a livello nazionale, si lavori per creare anche i presupposti per un ritorno in casa sia di quei giovani più formati, perchè il rischio è veder sfumato l'investimento formativo fatto per loro in Italia, sia di quelli più in crisi, perchè significherebbe aver trovato un maggior equilibrio tra mercato del lavoro, politiche famigliari e welfare. A questo obiettivo devono concorrere pure i singoli territori. Penso ad esempio all’area riminese che deve sempre più orientare il suo sviluppo e la sua economia su reti imprenditoriali ad altissima specializzazione, fondate su settori come quello della ricerca e dell’innovazione che portano con sé assorbimento di laureati e di altissime competenze”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • La fortuna bacia la Romagna con un "gratta e vinci" da due milioni di euro

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Dipendente positivo al coronavirus, il pub chiude per fare i tamponi a tutto il personale

  • Nuovi casi di Covid pericolosamente vicini a quota 100, Rimini tra i peggiori in regione

  • Aeroporto, nuovo volo al Fellini con partenza da dicembre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento