rotate-mobile
Giovedì, 26 Maggio 2022
Cronaca Coriano

Forum a San Patrignano: Firmato un accordo a sostegno dell'Africa, nuove allenze con l'Italia

Letizia Moratti: "E' un passo in più, vogliamo costruire un modello economico e sociale più inclusivo e attento a nuove sfide e bisogni"

Un memorandum per favorire alleanze e collaborazioni tra mondo dell'impresa italiana e quella africana, con l'ambizione di "costruire un nuovo modello economico e sociale". A margine dei lavori del Sustainable economy forum, viene siglato un patto tra Confindustria, Cassa Depositi e prestiti, San Patrigano e E4Impact Foundation. A firmarlo e illustrarlo ai cronisti sono il presidente Confindustria, Vincenzo Boccia; Antonella Baldino, direttore Cassa Depositi e prestiti per la Cooperazione internazionale allo sviluppo; Letizia Moratti, presidente E4Impact Foundation e Piero Prenna, presidente della Comunità di San Patrigano. "Cassa depositi e prestiti - spiega Baldino - è stata riconosciuta come istituzione finanziaria per la cooperazione internazionale, la piu' giovane in Europa". Ma non puo' svolgere questo impegno "senza il coinvolgimento necessario con no-profit, imprese e amministrazione- precisa- la strategia italiana per la cooperazione deve puntare all'integrazione con le nostre eccellenze". Di qui la partnership di oggi che, come spiega il presidente Boccia, da' seguito all'impegno assunto durante la prima edizione del Forum: "Questo è un secondo passo dopo il protocollo dello scorso anno- spiega- oggi c'e' un passo ulteriore con il memorandum", che consiste in "un metodo di convergenza e di condivisione degli obiettivi comuni" e "riguarda il rapporto del nostro Paese con il terzo mondo, strumenti finanziari, logiche di partenariato". Il passo successivo, prosegue, sara' quello di realizzare "un fondo di investimento per imprese italiane che possano investire nei paesi africani".

Moratti ribadisce che la firma è "un passo concreto in più, rispetto al percorso che insieme a Confindustria ci siamo dati per costruire un modello economico e sociale piu' giusto, inclusivo, piu' attento a nuove sfide e bisogni". Tra questi ultimi quelli di "un continente come quello africano che ha bisogno di sostengo concreto, non di aiuti fini a se stessi, ma aiuti per costruire uno sviluppo sostenibile". L'obiettivo dell'alleanza tra istituzioni, imprese e mondo del no profit e' quello di "sentirsi partecipi e responsabili nella costruzione di un mondo economico e sociale diverso". In dettaglio, "l'intesa prevede l'individuazione di settori da promuovere- chiarisce Moratti- agricoltura, energia, istruzione, contrasto al cambiamento climatico, accesso al credito di piccole medie imprese, sostegno all'imprenditoria femminile". In piu', prevede "l'individuazione di strumenti finanziari con le mobilitazione di risorse pubbliche e private e strumenti dedicati, green e social bond, development bond", prosegue. L'accordo infine "risponde all'esigenza di mettere in rete e condividere le migliori esperienze pubbliche e private per la costruzione di una nuova politica di sviluppo internazionale, che superi il concetto di aiuti ma si ponga, come protagonista nel sostenere crescita sostenibile attraverso queste azioni". Con queste intenzioni gli alleati intendono costituire un tavolo di lavoro sulle iniziative da realizzare, anche con il coinvolgimento di ulteriori partner.

(Nella foto in apertura, da sinistra: Piero Prenna, presidente di San Patrignano, Letizia Moratti, presidente E4impact, Antonella Baldino, direttore per la Cooperazione internazionale allo Sviluppo per la Cassa depositi e prestiti, Vincenzo Boccia, presidente di Confindustria).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Forum a San Patrignano: Firmato un accordo a sostegno dell'Africa, nuove allenze con l'Italia

RiminiToday è in caricamento