Accoltella la ex e il nuovo compagno, condannato per duplice tentato omicidio

L'aggressione era andata in scena nel novembre del 2014 in viale Pascoli con la donna che si era rifugiata nel negozio di una parrucchiera

E' stato condannato a 10 anni di reclusione, in rito abbreviato e con il giudice che ha riconosciuto le attenutanti generiche, il 56enne foggiano autore di un duplice accoltellamento nel novembre del 2014. L'aggressione era avvenuta in viale Pascoli quando, a cadere sotto i fendenti dell'uomo, erano stati l'ex compagna e il nuovo fidanzato di lei, entrambi 55enni. Verso le 10.15 del 5 novembre dello scorso anno, in via Manzoni, un gruppo di operai intenti a una serie di lavori di ristrutturazione nel cortile di un'abitazione privata avevano sentito alcune urla e visto una donna e un uomo che, dalla strada, stavano scappando nella zona dei lavori edili. A inseguire la coppia un secondo uomo, armato di coltello, che una volta raggiunti i due aveva sferrato vari fendenti che avevano colpito la donna al volto, sfregiandola, mentre l'uomo venne stato colpito alla gola e alla schiena. Mentre il ferito era rimasto a terra sanguinante, la donna era riuscita a fuggire nuovamente e a rifugiarsi nel negozio di una parrucchiera di viale Pascoli. L'aggressore, invece, dopo essersi disfatto del coltello aveva scavalcato la recinzione che delimita la ferrovia ed era fuggito a piedi in direzione monte.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una fuga che era durata appena 3 ore per il 56enne che, a Lugo, si era poi presentato in Commissariato per costituirsi. Secondo l'accoltellatore, interrogato dopo l'arresto, la sua intenzione era quella di bucare le gomme dei mezzi della coppia ma, arrivato a Rimini da Torino, aveva poi perso la testa. A spingerlo verso l'abitazione della coppia sarebbe stata una foto vista su Google Maps dove, secondo quanto ricostruito, avrebbe riconosciuto un'auto e una moto parcheggiati a poca distanza come i mezzi appartenenti alla ex e al nuovo compagno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul campo da calcio, muore a 9 anni mentre gioca con gli amici

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Un locale del Riminese tra i migliori bar d'Italia premiati dal Gambero Rosso

  • Ammazza la moglie a martellate e poi si costituisce

  • Studentessa si accascia sull'autobus, ricoverata in condizioni critiche

  • Bimbo muore a nove anni, il sindaco: "Abbiamo perso tutti un pezzo di cuore, ci sarà il lutto cittadino"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento