Cronaca

Accusati di aver abusato della sorellina disabile, due fratelli a processo

Nei guai anche la madre che avrebbe sempre saputo di quanto accadeva tra le mura domestiche

Una squallida storia di abusi quella che vede una ragazzina, all'epoca dei fatti 16enne, accusare i suoi due fratelli maggiorenni di aver abusato sessualmente di lei. La vittima, affetta da un deficit cognitivo, ha puntato il dito anche contro la amdre che avrebbe sempre saputo quanto accadeva tra le mura domestiche e non avrebbe fatto nulla per interrompere la situazione. A far emergere la vicenda è stata una visita ginecologica, effettuata al consultorio, con la ragazzina che era stata accompagnata nello studio medico dagli assistenti sociali che seguivano la famiglia disagiata. La vittima ha raccontato al medico, come se fosse una cosa normale, i ripetuti rapporti sessuali coi fratelli facendo così scattare la segnalazione alla Procura che ha aperto un fascicolo d'inchiesta. Interrogata dal magistrato, la ragazzina ha confermato tutte le accuse sostenendo, anche, che la madre era a conoscenza della vicenda.

Una storia agghiacciante che, però, presenta ancora alcuni punti dubbi in quanto, la presunta vittima, non sarebbe stata in grado di collocare temporalmente le violenze subìte mentre i fratelli, che adesso hanno 23 e 24 anni, e la madre respingono con forza le accuse. Il giudice, quindi, ha disposto una perizia psichiatrica nei confronti dei due ragazzi, uno dei quali seguito da un amministratore di sostegno, per accertare la loro capacità di inendere e volere all'epoca dei fatti. L'udienza è stata quindi aggiornata al prossimo gennaio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Accusati di aver abusato della sorellina disabile, due fratelli a processo

RiminiToday è in caricamento