Cronaca

Addio al ristoratore Di Bella, contagiato a New York dal coronavirus

Negli anni Novanta lancia il "Bounty" e poi in centro il noto locale "Dal Corto", ispirato a Corto Maltese

Sono tanti i riminesi che lo ricordano dietro al bancone del Bounty. Ma non solo. E' un volto storico della città Vito John Di Bella, per tutti Vic. Storico ristoratore che il coronavirus ha ucciso a New York, dove da anni ormai viveva. Vic ha lottato dieci giorni in ospedale contro il virus, ma alla fine non ce l'ha fatta ed è morto. Quella di Vic è una storia a metà tra il sogno americano e l'amore per l'Italia. Padre napoletano e madre italo americana, i suoi genitori si conoscono in Sicilia, dopo la guerra i due volanno in America e lì nasce il loro figlio.

E' solo all'età di 41 anni che Vic torna in Italia, a Rimini, dove ci sono alcuni parente. Qui, insieme a Stefano "Tete Venturini" dà vita al Bounty, il locale "veliero" e creano un pezzo della storia rimnese fatta di vita notturna, divertimento e novità. E' solo l'inizio di una lunga avventura che lo porterà anche ad aprire insieme ad altri soci il ristorante pizzertia "Dal Corto", in piazzetta San Martino, ispirato al personaggio Corto Maltese. Nel 2007 la decisione di cambiare di nuovo vita e poi il ritorno negli Stati Uniti.

A ricordarlo, appena saputa, la notizia, sono tanti amici riminesi e i suoi parenti, fra cui il cugino Luigi "Cino Sorci, che stannno cercandoi di riportarlo, quando sarà possibile, nella sua Rimini.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Addio al ristoratore Di Bella, contagiato a New York dal coronavirus

RiminiToday è in caricamento