Cronaca

Affittava case fantasma a sprovveduti turisti, patteggia la truffatrice seriale

Una quarantina le vittime che avevano pagato la caparra per poi scoprire che le vacanze erano state rovinate

Si è concluso con un patteggiamento a 1 anno e 10 mesi, con la sospensione della pena, il processo a una truffatrice 34enne residente a Rimini. La donna, difesa dall'avvocato Massimiliano Orrù, era finita in manette nel marzo del 2016 quando era stata arrestata dai carabinieri al termine di una lunga serie di truffe. La malvivente, soprattutto nel periodo estivo, metteva su internet annunci di case in affitto a pochi passi dal mare e a prezzi particolarmente allettanti. Gli interessati, spinti anche dalla convenienza, non esitavano a mettersi in contatto con lei la quale, dopo essersi accordata per l'affitto e per il versamento della caparra, per rendere la cosa ancor più credibile inviava alle vittime copie dei contratti. Una volta incassato l'anticipo, per un importo che variava tra i 600 e i 1000 euro, attraverso bonifico bancario o postepay la donna poi spariva dalla circolazione e, solo una volta arrivati a Rimini per la sospirata vacanza i turisti scoprivano di essere finiti in trappola. A carico della 34enne ci sono state una quarantina di truffe consumate tra giugno 2014 e settembre 2015.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Affittava case fantasma a sprovveduti turisti, patteggia la truffatrice seriale

RiminiToday è in caricamento