Cronaca

Aggredita e violentata dal maniaco nel parcheggio del cimitero

La vittima è stata immobilizzata nell'abitacolo e costretta a soddisfare il bruto poi individuato dai carabinieri

Un pomeriggio da incubo per una ragazza che, nel parcheggio restrostante del cimitero di Rimini, è stata aggredita e violentata da un maniaco. Secondo le accuse, nel dicembre del 2013, un 55enne siciliano si trovava a bordo della propria vettura in sosta quando era uscito dall'abitacolo per orinare. In quel momento stava passando la vittima e, il bruto, l'aveva apostrofata per mostrarle la "mercanzia". Terrorizzata la ragazza, all'epoca 18enne, aveva cercato di allontanarsi ma l'uomo era riuscito a bloccarla per iniziare a palpeggiarla nelle parti intime e a trascinarla nell'abitacolo. Non contento, il 55enne avrebbe poi afferrato la vittima per la testa, costringendola a un primo rapporto orale, per poi obbligarla a soddisfarlo. Nonostante la paura, la 18enne era riuscita a scappare dall'abitacolo e, ancora scossa, rivolgersi ai carabinieri per denunciare quanto accaduto. Il 55enne è stato quindi rinviato a giudizio dal Giudice per le Indagini Preliminari e, il prossimo 2 maggio, inizierà il processo davanti al Collegio per l'accusa di violenza sessuale con la vittima che si costituirà parte civile con l'avvocato Raffaele Moretti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aggredita e violentata dal maniaco nel parcheggio del cimitero

RiminiToday è in caricamento