Rimini al centro del confronto sulla lotta contro le mafie in Italia e in Europa

Domenica incontro pubblico con i parlamentari europei S&D Fayon e Caronna, il deputato PD Emma Petitti, le istituzioni e le associazioni locali per la legalità

Salvatore Caronna, parlamentare europeo S&D

La lotta contro le mafie in Italia e in Europa passa dal crocevia di Rimini. Il ruolo dell’Unione Europea nella lotta contro la criminalità organizzata, la corruzione e il riciclaggio di denaro, le raccomandazioni in merito ad azioni e iniziative da intraprendere, le attività e i progetti avviati sul territorio saranno al centro dell'incontro in programma per domenica dalle 18 allo Spazio DuoMo (corso Giovanni XXIII 8).

Promosso dal Gruppo dell'Alleanza Progressista dei Socialisti & Democratici al Parlamento europeo, in collaborazione con Partito democratico, Gap-Gruppo antimafia “Pio La Torre”, Premio “Ilaria Alpi”, coordinamento Libera Rimini e associazioni provinciali per la legalità, l'evento “La lotta contro le mafie in Italia e in Europa” affronterà un tema di scottante attualità, anche alla luce dei recenti sequestri di attività ricettive riminesi finite in mano alla camorra e degli ultimi dati sulle dichiarazioni dei redditi diffusi dal ministero dell’Economia, che pongono Rimini all'ultimo posto in Regione fra i capoluoghi, con una media di 22.413 euro.

Il programma di domenica prevede l'apertura da parte di Emma Petitti, Deputato PD e parlamentare del gruppo dei “braccialetti bianchi” contro la corruzione nell'ambito della campagna “Riparte il futuro” promossa dall'associazione Libera. Interverranno quindi Tanja Fayon, parlamentare europea S&D, coordinatrice della Commissione sulla criminalità organizzata; Michael Binotti, coordinatore Associazione Libera; Sara Paci, associazione “Ilaria Alpi”; Davide Vittori, Gruppo antimafia “Pio La Torre”, con la proiezione di video e documentari. Concluderà l'incontro Salvatore Caronna, parlamentare europeo S&D e membro della Commissione sulla criminalità organizzata. Saranno presenti esponenti istituzionali del Comune e della Provincia di Rimini e rappresentanti sindacali.

“Rimini rappresenta un modello nel contrasto alla criminalità organizzata – sottolinea Emma Petitti -, sia per l'azione investigativa e di repressione da parte delle forze dell'ordine, sia per iniziative istituzionali come l'Osservatorio provinciale, sia per le buone pratiche e le attività delle associazioni che sul territorio sono impegnate per la legalità, l'informazione e la sensibilizzazione, come il progetto 'Stop blanqueo' sull’infiltrazione criminale nell’economia attraverso usura e riciclaggio. L'incontro di domenica sarà l'occasione per portare l'esperienza riminese in Europa e per approfondire l'iter della legislazione italiana e gli strumenti europei”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

  • Organizzano una festa di compleanno e la pubblicano sui social: arriva la Polizia, multe salate a dieci ragazzi

  • Superenalotto, colpaccio a Rimini: centrato un "5" da decine di migliaia di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento