Allarme per dei bocconi sospetti trovati nei pressi della nuova Questura

Le esche ritrovate dal personale delle Guardie Ecozoofile e consegnate all'Ausl per poter verificare se siano effettivamente nocive o meno

E’ giunta nella prima mattinata di giovedì ad una pattuglia di Guardie Ecozoofile, in servizio per la prevenzione e il contrasto nei confronti dei reati verso l’ambiente e gli animali, la segnalazione che in una zona del parco adiacente allo stabile che sarebbe dovuto diventare la nuova Questura, fossero presenti diverse esche avvelenate, messe di proposito per colpire i cani che vengono portati a passeggio in quella zona. All’arrivo gli agenti hanno potuto constatare immediatamente dei cartelli, affissi dagli utilizzatori del parco, che invitavano a prestare attenzione e avvertivano della presenza dei bocconi, mentre, abilmente nascosti tra l’erba erano presenti diverse esche di notevoli dimensioni che avrebbero potuto nuocere ai poveri cani, ma non solo ad essi.

“E’ piuttosto recente l’ordinanza del Ministero della Salute, datata giugno 2016- sottolinea Matteo Fangarezzi Responsabile Provinciale delle Guardie Ecozoofile - che vieta a chiunque di utilizzare in maniera impropria bocconi avvelenati. Abbiamo provveduto ad avvertire l’AUSL e consegnato loro le esche per poter verificare se siano effettivamente nocive o meno. Al momento crediamo sia inutile creare allarmismi.” Come successo di recente a Santarcangelo, che alcuni pezzi di vetro siano stati scambiati per esche atte a creare danni agli animali. In realtà, a seguito di sopralluogo, sono stati trovati dei barattoli di Nutella che, presumibilmente per “gioco”, sono stati rotti e lasciati sul posto, ma verosimilmente, non preparati per ferire o uccidere.

“Nel frattempo faremo in modo di organizzare dei servizi preventivi, eventualmente anche in abiti civili, così da far desistere, o cogliere sul fatto, eventuali malintenzionati.Giova ricordare che, per limitare i rischi- continua Fangarezzi- il più delle volte sarebbe sufficiente utilizzare il guinzaglio che, oltre ad essere un obbligo di legge, limiterebbe, in casi come questi, il rischio che il cane entri in contatto con sostanze nocive, ma che spesso viene visto, dai proprietari dei cani, come oggetto atto a opprimere l’animale”.

Si invita chiunque trovi cibo o sostanze dubbie, a contattare immediatamente le Forze dell’Ordine o le Guardie Ecozoofile: infatti in questi casi, più che in altri, è importante un intervento tempestivo che possa evitare, o almeno limitare, il danno potenziale che questo genere di condotta porta con se. Quello che generalmente non viene valutato, quando si compiono questi gesti, è che l’obbiettivo sono i cani, più raramente i gatti, ma che, trattandosi per lo più di parchi, anche i bambini potrebbero essere vittime di queste azioni deplorevoli. Nel solo 2011, ultima statistica conosciuta a livello della Regione Emilia Romagna, sono stati circa 150 i casi di effettivo ritrovamento di bocconi avvelenati, ma questa è solo la punta dell’iceberg. Si pensa, infatti, che i casi non denunciati siano molti di più. Chi compie questi atti il più delle volte, non sa che si tratta di un vero e proprio reato. Nello specifico, si tratta degli Art. 544 bis e ter del C.P., ovvero maltrattamento e uccisione di animali, o 638 del C.P. che punisce che uccide o maltratta un animale altrui. Tale condotta può portare alla reclusione fino a due anni, o ad una molta che può arrivare a 30000 euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si ricorda, per chiunque volesse informare le Guardie Ecozoofile e chiedere il loro intervento, di rivolgersi al numero 370 3131006 meglio se attraverso SMS tradizionali o Whatsapp, in merito ad illeciti o reati riguardanti maltrattamenti su animali, avvelenamenti o spargimenti di esche avvelenate, mancato benessere, pesca di frodo, bracconaggio, trasporto di animali in condizioni non idonee, contrabbando di animali, combattimenti di animali, corse clandestine tra cavalli, detenzione non autorizzata di animali esotici, allevamenti, sversamenti di liquami, abbandono di rifiuti pericolosi e non, discariche abusive o abbandono incontrollato di rifiuti, incendi boschivi, oppure animali in difficoltà, selvatici o domestici a seguito di incidente stradale, animali spiaggiati, ecc.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Tragedia sul campo da calcio, muore a 9 anni mentre gioca con gli amici

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Coronavirus, contatti diretti e indiretti: cosa fare se sospetto di essere stato contagiato?

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Coronavirus, in arrivo la nuova stretta. Verso lo stop di palestre e cinema. Per i ristoranti chiusura anticipata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento