Cronaca

Anfiteatro romano e Ceis, il futuro dei due poli culturali: i progetti del Comune

Un Consiglio comunale tematico, con gli assessori Frisoni e Piscaglia a sottolineare che "rappresentano un tesoro storico, culturale ed educativo della città"

Creare "le prospettive e le condizioni per una valorizzazione" dell'anfiteatro romano, allo stesso tempo "garantendo la continuità dei servizi educativi e scolastici" del Centro educativo italo-svizzero, Ceis. Il futuro dei due "poli culturali" di Rimini è stato al centro, martedì, di un Consiglio comunale tematico, con gli assessori alla Gestione del territorio e alla Cultura, Roberta Frisoni e Giampiero Piscaglia, a sottolineare che "rappresentano un tesoro storico, culturale ed educativo della città. Due importanti patrimoni culturali che non sono da mettere in contrapposizione, ma da valorizzare con equilibrio e gradualità". Il Ceis, affermano, è "un importante tassello per la tenuta del nostro sistema scolastico, che per storia e percorso ha un ruolo centrale nel quadro della ricerca pedagogica nazionale e internazionale". Dal punto di vista edile, aggiunge Frisoni, "la maggior parte delle strutture sono legittime" e per quelle ritenute illegittime e non ancora rimosse è stato avviato un contenzioso dalla controparte che ha portato la produzione di nuova documentazione e di nuovi elementi attualmente al vaglio degli uffici. Per l'anfiteatro, prosegue l'assessore, "c'è la volontà di definire un piano di riqualificazione, che richiederà un'analisi e valutazione dei reperti e la definizione di un piano puntuale con modalità di intervento e risorse". 

Il tutto connesso a una ricollocazione del Ceis e "l'amministrazione si è già mossa in questa direzione": la riqualificazione dell'anfiteatro e la possibilità di prevedere aree idonee ad ospitare una nuova sede scolastica sono infatti elementi inseriti nel protocollo d'Intesa sottoscritto con le società del Gruppo Fs e nell'Accordo territoriale deliberato in consiglio comunale. Palazzo Garampi, conclude Frisoni, "sta andando avanti coerentemente con gli indirizzi contenuti anche nella pianificazione urbanistica, tenendo conto della complessità e dell'equilibrio che deve essere garantito per tutelare gli interessi pubblici in gioco". (fonte Dire)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anfiteatro romano e Ceis, il futuro dei due poli culturali: i progetti del Comune

RiminiToday è in caricamento