"Attenzione: ritrovate esche avvelenate nel parco", ma è un falso allarme

I controlli delle Guardie Ecologiche Volontarie hanno accertato che si trattava di innocui pezzi di polistirolo

Si è quasi trasformata in psicosi la notizia che, nella giornata di sabato 29, erano state trovate delle esche avvelenate nel parco della 'Cava' a Rimini. Il tam tam è rimbalzato sui social network quando, una Guardia Ecologica Volontaria, ha scoperto del materiale sospetto in mezzo al prato e, sul posto, è stato richiesto l'intervento delle Guardie Ecozoofile per accertare la natura del ritrovamento. In seguito ai controlli è emerso che si trattava di piccoli pezzi innocui di polistirolo espanso provenienti, con tutta probabilità, dalla zona del Palacongressi e trasportati dal vento fino al parco.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • La fortuna bacia la Romagna con un "gratta e vinci" da due milioni di euro

  • Continua la galoppata dei nuovi contagiati, alunni della materna in quarantena

  • Carlo Cracco vignaiolo, lo chef inizia la vendemmia nella sua tenuta

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Facoltoso ristoratore intasca il reddito di cittadinanza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento