L'azalea dello Ior è da record: raccolti 52mila euro con oltre tremila piante vendute

La Festa della mamma si trasforma in una gara di solidarietà: in Romagna raccolti più di 235mila euro

Domenica 12 maggio si è tenuta la Festa della Mamma: una ricorrenza che da anni fa rima con lotta contro il cancro, soprattutto nella nostra terra. I volontari IOR si sono presentati infatti con i loro stand in più di 200 zone nevralgiche di 90 città della Romagna per distribuire la tradizionale azalea, da più di 25 anni il simbolo più bello ed apprezzato della battaglia contro i tumori. Il grande weekend di solidarietà ha portato oltre 235.000 euro totali di donazioni, frutto di più di 15.300 piantine distribuite. «Dopo le sottoscrizioni del 5x1000, le cui preferenze ci hanno permesso di superare per la prima volta nella nostra storia quarantennale il milione di contributi, si tratta di un dato ulteriore che dimostra quanto il legame tra la Romagna e lo IOR sia vivo e sempre più stretto – spiega il Direttore Generale IOR, Fabrizio Miserocchi – ricordiamo che il ricavato delle azalee verrà messo interamente a disposizione dei progetti di ricerca scientifica più promettenti contro le neoplasie, portati avanti presso l’IRST IRCCS di Meldola: vista la cifra siamo sicuri che tali studi riceveranno davvero un impulso notevole, di modo che una volta di più quanto donato dai romagnoli allo IOR venga restituito loro sotto forma di eccellenza di terapie e di cura».

Gli abitanti di Rimini e dintorni si sono confermati particolarmente sensibili al tema. Da Riccione a Santarcangelo, da Cattolica a Villa Verucchio, sono state tantissime infatti le persone che hanno scelto l’azalea dello IOR come omaggio alla propria mamma: il modo più gradito di fare la differenza nella lotta contro il cancro. Il ricavo totale delle piazze di Rimini ha quasi raggiunto i 52.000 euro, frutto di 3.367 azalee distribuite. «Abbiamo i volontari migliori del mondo: sono orgoglioso di loro – ha aggiunto il Direttore Generale Fabrizio Miserocchi – è grazie a loro se abbiamo raggiunto questo successo. A nome di tutto lo IOR desidero ringraziarli per l’impegno e la costanza che in questo weekend in particolare, e in questi anni in generale, hanno deciso di donarci. Desidero ringraziare anche i ricercatori e i medici dell’IRST IRCCS e delle Oncologie della Romagna, che sono scesi nelle piazze con i camici al nostro fianco. Insieme possiamo continuare a fare la differenza, rendendo il nostro territorio un’area d’avanguardia nella lotta contro il cancro.»

Potrebbe interessarti

  • I 10 top ristoranti dove mangiare sano più 3 ristoranti esclusivamente Bio

  • "Il parchetto di Miramare tra sbandati che bivaccano ed escrementi umani ovunque"

  • Lavare le mani: i 7 momenti in cui è fondamentale per evitare infezioni batteriche

  • Caldo in auto: ecco come viaggiare freschi

I più letti della settimana

  • Doppia scossa di terremoto fa tremare la provincia

  • Tenta di salvare il figlio dal suicidio, l'anziano padre in gravi condizioni

  • Fiamme nell'ex discoteca abbandonata, all'interno trovati bivacchi di fortuna

  • Il Sole 24 ore incorona Rimini come capitale dell’italian lifestyle

  • Notte brava con trans e cocaina, pizzaiolo rapinato dopo il festino

  • Volano coltellate in due discoteche, una ragazza in prognosi riservata

Torna su
RiminiToday è in caricamento