Macabro ritrovamento in mare, tra le onde affiora il corpo di un uomo

I poveri resti appartengono a un noto pescatore di Bellaria, in corso le indagini per accertare cosa sia accaduto

Macabro ritrovamento quello effettuato, nel tardo pomeriggio di martedì, al largo di Bellaria quando un'imbarcazione ha dato l'allarme scorgendo un cadavere tra le onde. Sul posto è accorsa una motovedetta della Capitaneria di Porto di Rimini che, a 6 miglia dalla costa al traverso della foce del fiume Rubicone, ha individuato i poveri resti. Il corpo è stato issato a bordo e, verso le 20.30, i militari hanno fatto rientro nel porto riminese dove, ad attenderli, c'era il medico del 118 per le tristi formalità di rito. Il cadavere sarebbe quello di Eugenio Gasperoni, 68enne noto pescatore bellariese, che è stato poi trasportato all'obitorio del cimitero di Rimini. Sono in corso le indagini per accertare l'esatta dinamica di quanto successo e per capire se, l'uomo, fosse uscito con una imbarcazione nella giornata di martedì e se, a causa di un incidente o malore, sia finito in acqua e, trascinato dalla corrente, arrivare così al largo. Sarà l'ispezione cadaverica, fissata per martedì, a dare le prime risposte.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapre un supermercato storico della Riviera: 78 lavoratori e un investimento di 4 milioni

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

Torna su
RiminiToday è in caricamento