Calendari e gadget contraffatti, maxi sequestro della Guardia di Finanza

Il blitz è scattato in tutta Italia, a finire nei guai anche un'azienda riminese. Accertata una evasione dell'iva per oltre 240mila euro

La Guardia di Finanza di Torino ha concluso un’importante operazione nel settore del contrasto alla contraffazione dei marchi e alle violazioni in materia di diritto di autore. Le Fiamme Gialle, al termine di una complessa indagine, hanno individuato un’intera filiera produttiva e distributiva, operativa sia in Italia che all’estero, di calendari ed altri oggetti di merchandising in violazione dei diritti di privativa industriale. Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Torino e scaturite a seguito di un maxi sequestro di calendari contraffatti effettuato in occasione della tappa italiana del tour degli U2, hanno permesso ai finanzieri di individuare diverse aziende, con sedi nelle province di Torino, Varese, Bologna e Rimini, nei cui stabilimenti sono stati rinvenuti migliaia di calendari ed altri articoli riproducenti i marchi di artisti e sportivi di fama internazionale, tra i quali: U2, One Direction, Five Seconds of Summer, Frozen, Violetta e i
calciatori Messi e Cristiano Ronaldo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le perquisizioni hanno consentito di sequestrare 320 clichè relativi a marchi registrati, 390.000 lastre stereotipiche e oltre 62.000 calendari, molti dei quali pronti per essere commercializzati, nonché 124 macchinari utilizzati per la produzione del materiale illecito. Sedici i responsabili denunciati per i reati di contraffazione e frode in commercio. Le investigazioni hanno inoltre consentito di accertare una frode fiscale all'I.V.A per oltre 240.000 euro. Secondo gli accertamenti svolti dai finanzieri del capoluogo piemontese, infatti, una delle principali società coinvolte nelle indagini aveva proceduto a registrare i calendari come riviste periodiche bimestrali, soggette all'I.V.A. agevolata (4% invece del 22%) prevista per
i prodotti editoriali.

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Arrestato con l'accusa di aver abusato delle due cugine dodicenni, una rimane incinta

  • Alessandro Andreini la combina grossa e viene espulso dal Collegio

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Una nevicata e oltre 400mila luci per lo show di Riccione Christmas Star con la musica di Ralf

  • Guida Michelin 2021, le "stelle" brillano nel Riminese con una novità

Torna su
RiminiToday è in caricamento