Rimini celebra il 76esimo della Liberazione: il covid cambia il tradizionale programma

Alla presenza dei Gonfaloni di Comune di Rimini e Provincia di Rimini, verranno deposte da parte dei rappresentanti delle istituzioni territoriali due corone

Lunedì 21 settembre ricorre il  76° anniversario della Liberazione di Rimini. Per ridurre i rischi sanitari, e nel rispetto delle norme a contrasto del Covid, ci saranno quest’anno alcune modifiche nel cerimoniale. Alla presenza dei Gonfaloni di Comune di Rimini e  Provincia di Rimini, verranno deposte da parte dei rappresentanti delle istituzioni territoriali due corone; la prima al cimitero di guerra del Commonwealth sulla S.S. San Marino, la seconda al monumento ai Caduti di Monte Cieco  Non saranno invece presenti, in ottemperanza alle norme comportamentali e sanitarie di prevenzione, e a soli pochi giorni dall’inizio dell’anno scolastico, gli studenti della scuola elementare di Monte Cieco e i labari delle associazioni combattentistiche e d'Arma.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il sindaco Andrea Gnassi cita una poesia di Sergio Zavoli tratta da "La strategia dell'ombra" ("La vita ritornava con la recisa nudità dei segni sparsi ovunque, le case non avevano più le loro tinte, tutto pareva conservasse l’odore dei luoghi abbandonati, come l’ultima brace spenta nei camini. Sul muraglione della ferroviaria vedemmo il primo manifesto: Gasperoni Elvira, diplomata ostetrica, una prece, si tornava a morire uno alla volta, riapparivano i nomi del tempo dissepolto"): "Con queste parole del nostro grande concittadino vogliamo ricordare e celebrare il 76° anniversario della Liberazione di Rimini. Dall’1 novembre 1943 alla fine di settembre del 1944 la città di Rimini subì 396 bombardamenti che causarono la morte di oltre 600 civili e un coefficiente di distruzione dell’82%, il più alto fra tutte le città con oltre 50.000 abitanti. Per questo nell’anno 1961 la nostra Città ricevette la medaglia d’oro al valore civile. I cittadini erano sfollati nelle galleria della Repubblica di San Marino o in rifugi di fortuna e Rimini si presentava disabitata e distrutta. I riminesi non si persero d’animo e in poco tempo ricostruirono la Città che, dopo pochi anni, diventò uno dei centri turistici più conosciuti al mondo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Dipendente positivo al coronavirus, il pub chiude per fare i tamponi a tutto il personale

  • Nuovi casi di Covid pericolosamente vicini a quota 100, Rimini tra i peggiori in regione

  • Aeroporto, nuovo volo al Fellini con partenza da dicembre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento