Fulgor gremito per l'anteprima con Luciano Ligabue e Kasia Smutniak. LE FOTO

Il rocker: "E' un cinema bellissimo, è un onore presentare qui Made in Italy"

Successo a Rimini per l'anteprima del film "Made in Italy" al cinema Fulgor. In sala Luciano Ligabue, il produttore Domenico Procacci e l'attrice Kasia Smutniak. Lunedì davanti al cinema non si riusciva a passare con decine di persone in coda, che già dal pomeriggio prima si sono aggiudicate un biglietto per la serata. Il film esce nelle sale di tutta Italia giovedì 25 gennaio. Ligabue è arrivato dopo le 21, con il pubblico e i fan che non stavano più nella pelle: "E' un cinema bellissimo, sono felice di poter presentare qui Made in Italy, un film sentimentale, che parla di emozioni". Il rocker di Correggio ha un legame speciale con il Fulgor, è infatti la sala dove andava a vedere i giornalieri delle riprese del suo film Dazeroadieci. Entuasiasta anche Kasia Smutniak che ha sottolineato come entrare al Fulgor faccia catapultare nelle atmosfere felliniane.

Luciano Ligabue è atterrato​ all'Aeroporto "Federico Fellini" di Rimini con il volo diretto da Roma, dove la mattina si è svolta la conferenza stampa di lancio del film​. Ad accoglierli e accompagnarli al Cinema Fulgor l'amministratore delegato di AIRiminum 2014, Leonardo Corbucci. “E’ stato per Airiminum un grande onore“ - dichiara Leonardo Corbucci - “prendere parte ai festeggiamenti della riapertura di questo capolavoro che è il Fulgor, e per me personalmente ritrovare una caro amico, come Domenico Procacci, anche socio nell’iniziativa aeroportuale”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapre un supermercato storico della Riviera: 78 lavoratori e un investimento di 4 milioni

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • "Armato di pistola in piazza Ferrari", Pecci lancia l'allarme sulla sicurezza

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

  • Disse "mare di merda" sui social, arriva il decreto di condanna per diffamazione nei confronti di Rimini

Torna su
RiminiToday è in caricamento