Esposizione all'usura, Rimini al 40esimo posto: "Un rischio per le piccole imprese"

Indagine de "Il Sole 24 Ore" sull’esposizione all’usura e all’indebitamento delle province italiane. Rimini si trova al 40esimo posto, con un indice di 391 su un indice massimo di 1.000 che detiene Bolzano

Indagine de "Il Sole 24 Ore" sull’esposizione all’usura e all’indebitamento delle province italiane. Rimini si trova al 40esimo posto, con un indice di 391 su un indice massimo di 1.000 che detiene Bolzano, la provincia più virtuosa. Meglio del capoluogo rivierasco hanno fatto in Romagna Ravenna (11esima) e Forlì-Cesena (29esima). Il presidente della Provincia Stefano Vitali parla di "dato in linea con quello delle altre province del nord e nord est".

"Se a livello nazionale gli indicatori pubblicati evidenziano in maniera piuttosto evidente una netta cesura tra territori del nord (i primi 25) e quelli del sud (gli ultimi 25), più sfumati sono invece gli scostamenti all’interno delle stesse regioni - continua Vitali -. Rimini ottiene un risultato nella media, dimostrando di essere ancora una realtà territoriale in grado, grazie agli anticorpi sociali, istituzionali e civici, di tenere rispetto ai potenziali rischi di infiltrazioni criminali. L’indebitamento e l’usura, infatti, sono il più delle volte spie di una penetrazione malavitosa che si fa aggressiva e che assalta i soggetti deboli colpiti dalla crisi, precondizione favorente l’aggressione".

"Proprio in un momento di grande difficoltà come quello attuale è ancora più forte per le piccole e medie imprese con l’acqua alla gola, finire nella stretta dell’indebitamento e, potenzialmente, dell’usura - prosegue il presidente della Provincia -. Un rischio ancora più presente in realtà economicamente appetibili come la nostra, dove la malavita cerca di infiltrarsi con il proprio denaro nero,sfruttando la contemporanea presenza di alcune criticità, come il perdurare della recessione economica, il calo del consumo ed il razionamento dei finanziamenti del sistema creditizio".

"Le peculiarità territoriali riminesi probabilmente spiegano, almeno in parte, il settimo posto (su nove) tra le province emiliano romagnole, lasciandoci alle spalle Modena e Ferrara - continua Vitali -. Proprio su questo aspetto di recente è stata anche la Prefettura di Rimini, nell’ambito della Conferenza regionale delle autorità di Pubblica Sicurezza,  a sottolineare rispetto al territorio riminese come “le associazioni criminali tendono ad inserirsi nei settori imprenditoriali a più alta redditività. L’usura, in questa fase di crisi economica, si sta trasformando in un meccanismo associativo di tipo imprenditoriale, rivolta in genere alle piccole e medie imprese, finalizzato ad impossessarsi progressivamente della stessa attività economica del debitore o dell’intero suo patrimonio, mettendolo in condizione di non poter più adempiere alle obbligazioni contratte”.

"Su questi aspetti particolari la ricerca del Sole 24 ore ci pone dunque in evidenza sia alcuni lati positivi, la sostanziale tenuta del tessuto produttivo e sociale riminese, che aspetti migliorabili, il posizionamento rispetto alle altre realtà della Regione Emilia-Romagna - aggiunge Vitali -. Mi sembra doveroso sottolineare in chiusura come, rispetto a queste criticità, le Istituzioni, insieme alle Forze dell’Ordine e all’associazionismo, siano attive e vigili rispetto al rischio di infiltrazioni, attraverso l’avviamento di nuovi strumenti di osservazione e vigilanza per promuovere una vera e propria cultura della legalità".

Conclude Vitali: "Io credo che fenomeni quali l’usura abbiano soprattutto necessità di un deterrente forte: la credibilità delle istituzioni e la solidità del sistema economico e sociale. Se si indeboliscono questi due pilastri, peraltro entrambi incidenti sul rapporto fiduciario tra Stato e cittadini, più facile per la criminalità organizzata sarà aggredire persone, imprese, attività e territori”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Superenalotto, colpaccio a Rimini: centrato un "5" da decine di migliaia di euro

  • Organizzano una festa di compleanno e la pubblicano sui social: arriva la Polizia, multe salate a dieci ragazzi

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

  • Coronavirus, nuovo decreto fino al 5 marzo: divieto di ricevere più di due persone in casa

Torna su
RiminiToday è in caricamento