Cliente insoddisfatto cerca di sfondare la porta dello studio del suo avvocato

Momenti di paura per il noto professionista riminese che ha chiamato i carabinieri, l'autore del gesto bloccato durante la fuga

Foto archivio

Pomeriggio di paura per un noto avvocato riminese che, nel suo studio, si è trovato alle prese con un cliente insoddisfatto e in preda all'ira. Secondo quanto accertato l'uomo, un 40enne di origini bresciane, si era affidato al professionista per una causa al Tribunale di Rimini e aveva versato al legale un anticipo di 1000 euro. Non contento degli esiti, tuttavia, il cliente nella mattinata di giovedì era venuto in riviera con la speranza di recuperare tutto, o almeno parte, del denaro pagato. Visto vano un suo primo approccio, uscito dallo studio il 40enne si è diretto verso una vicina ferramente dove ha acquistato un piede di porco con il quale è tornato dall'avvocato e ha cercato di sfondare la porta dello studio per poi scappare nuovamente mentre, sul posto, sono accorsi i carabinieri chiamati dal professionista. Dopo aver raccolto una descrizione del cliente insoddisfatto, i militari dell'Arma sono partiti alla ricerca del 40enne individuandolo, nella tarda serata, alla stazione ferroviaria di Rimini dove aspettava il treno per tornare a Brescia. Portato in caserma, l'uomo ha ammesso gli addebiti e indicato la zona dove si era disfatto del piede di porco. Al termine delle pratiche di rito, il bresciano è stato denunciato a piede libero per tentato furto aggravato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapre un supermercato storico della Riviera: 78 lavoratori e un investimento di 4 milioni

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • "Armato di pistola in piazza Ferrari", Pecci lancia l'allarme sulla sicurezza

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

  • Disse "mare di merda" sui social, arriva il decreto di condanna per diffamazione nei confronti di Rimini

Torna su
RiminiToday è in caricamento