Il Comune pronto ad acquisire 12 beni immobili dallo Stato

Tra questi la Caserma Giulio Cesare di via Flaminia, ritenuta interessante per una possibile valorizzazione

La V Commissione ha dato parere favorevole alla proposta di delibera per l’acquisizione di dodici tra aree e fabbricato dello Stato da trasferire all’Amministrazione Comunale. I beni a cui il Comune è interessato rientrano tra quelli per cui già da mesi è stato avviato l’iter di attribuzione sfruttando l’opportunità offerta dal decreto “Federalismo demaniale”, attraverso il quale l’Amministrazione intende rientrare nella disponibilità di terreni, immobili e porzioni di territorio utili nella realizzazione di progetti strategici per il futuro della città. Tra i dodici immobili e aree per cui il Comune ha avanzato domanda e da sottoporre a procedura di sdemanializzazione compaiono alcuni frustoli residuali della marina; alcune porzioni statali di strade realizzate e gestite dal Comune (in via Predil, via Tonale, via Carlo Alberto Dalla Chiesa); le aree ricomprese nel parco XXV Aprile tra il Ponte di Tiberio e la SS16, necessarie per il completamento del progetto Tiberio; il ponte romano in via San Vito, un bene archeologico inserito all’interno di aree già di proprietà comunale. Infine la Caserma Giulio Cesare di via Flaminia, ritenuta interessante per una possibile valorizzazione e un negozio e due posti auto a Celle.  “Si tratta di porzioni di aree e di immobili che sono utili per avere a completa disposizione dei beni su cui intervenire in termini di riqualificazione – sottolinea l’assessore al Patrimonio Gian Luca Brasini – e capaci di trasformarsi in leve di sviluppo e pianificazione strategica importanti per la città”.

Nel marzo scorso è stato ufficializzato il trasferimento al Comune del cosiddetto “triangolone”, ovvero l’area compresa tra viale Cristoforo Colombo, Lungomare Tintori, Largo Boscovich, che è stata prima sdemanlizzata per poi essere ceduta all’Amministrazione. Un’importante tessera mancante per la riqualificazione dell’intera area che entrando nella disponibilità del Comune consente di avviare il progetto di rigenerazione complessivo di una delle zone centrali della marina riminese, da integrare nel più ampio disegno di trasformazione urbana previsto dal Parco del Mare. In dirittura d’arrivo anche un altro tratto del lungomare sarà a disposizione dell’Amministrazione Comunale: si tratta di alcuni piccoli frustoli a monte del lungomare Spadazzi (già di  proprietà comunale) in corso di sdemanializzazione per la cessione. Dopo la votazione della proposta di delibera, la Commissione ha discusso la mozione presentata dal consigliere Carlo Rufo Spina “Valorizzazione/Alienazione del patrimonio immobiliare comunale”, incentrata sulla destinazione della Casa della pace ad ampiamento del museo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapre un supermercato storico della Riviera: 78 lavoratori e un investimento di 4 milioni

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • "Armato di pistola in piazza Ferrari", Pecci lancia l'allarme sulla sicurezza

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

  • Disse "mare di merda" sui social, arriva il decreto di condanna per diffamazione nei confronti di Rimini

Torna su
RiminiToday è in caricamento