Controlli a tappeto dei carabinieri, in 9 finiscono denunciati per vari reati

Furto, ricettazione e spaccio di sostanze stupefacenti i crimini commessi dai malviventi intercettati dai militari dell'Arma

Fine settimana di intensi controlli da parte dei carabinieri della Compagnia di Rimini che, per garantire la sicurezza di residenti e turisti, hanno passato al setaccio le varie zone della città con 40 militari, di cui 6 in borghese, e 16 pattuglie. Il bilancio finale ha visto 9 persone finire denunciate per una serie di reati che vanno dallo spaccio e detenzione sostanze stupefacenti, furto aggravato, ricettazione, inosservanza del decreto espulsione territorio nazionale e del foglio di via. Altri quattro giovani, invece, sono stati segnalati in Prefettura come assuntori di stupefacenti. Nel dettaglio, a finire nei guai è stato un marocchino 21enne, già noto alle forze dell'ordine, sorpreso dai carabinieri durante un servizio di appostamento antidroga sul lungomare Tintori mentre cedeva una dose di mezzo grammo circa hashish a un turista 27enne di Roma che, contestualmente ,è stato segnalato come consumatore di stupefacenti alla competente Prefettura. Un altro marocchino 28enne, anche lui vecchia conoscenza delle forze dell'ordine, e un italiano 31enne  sono stati pizzicati sul lungomare Spadazzi in possesso, rispettivamente, di tre dosi di hashish e 6 dosi di marijuana.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Denunciati anche due fratelli, di 32 e 33 anni, originari di Lecce e già noti alle forze dell'ordine, ritenuti responsabili del furto di un marsupio, contenente documenti e denaro contante, messo a segno in piazzale Fellini ai danni di un autotrasportatore di Roma. Altri due marocchini di 31 e 33 anni, anche loro vecchi clienti delle forze dell'ordine, dovranno rispondere di ricettazione in quanto trovati in possesso, grazie al sistema gps, di due telefoni cellulari per un valore totale di 1500 euro asportati nella notte sulla spiaggia del Marano a Riccione ai danni di una giovane turista di Brescia. Nel corso dei controlli antiprostituzione, i carabinieri hanno sorpreso un transessuale peruviano 24enne che, dal database delle forze dell'ordine, è risultato inottemperante al decreto di espulsione emesso dal Prefetto di Milano. Nonostante fosse già stato arrestato per droga lo scorso 16 luglio, e sottoposto al divieto di dimora a Rimini, i carabinieri hanno pizzicato anche un egiziano 31enne che è stato denunciato per inosservanza del decreto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Coronavirus, contatti diretti e indiretti: cosa fare se sospetto di essere stato contagiato?

  • Coronavirus, in arrivo la nuova stretta. Verso lo stop di palestre e cinema. Per i ristoranti chiusura anticipata

  • Autobus sorpassa gruppo di ciclisti, rovinosa caduta per un corridore amatoriale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento