Data di scadenza taroccata per i latticini, nei guai azienda riminese

L'intervento dei Nas di Bologna ha fatto emergere la condotta della ditta che alterava le etichette dei suoi prodotti

Foto archivio

Nel primo trimestre del 2017 i carabinieri del Nas di Bologna hanno intensificato l’attività di controllo e vigilanza presso la filiera produttiva del settore lattiero-caseario e, anche in provincia di Rimini, non sono mancate le sorprese. In particolare, un'azienda di produzione si è vista sospendere la licenza a causa delle gravi carenze riscontrate dai militari dell'Arma che hanno sequestro di circa 500 kg di materie prime, starter di attivazione di fermentazione, fermenti lattici ed altri additivi, aventi scadenza superata anche da molti anni, del valore di circa 50mila euro, destinati ad essere impiegati nella realizzazione di decine di tonnellate di mozzarelle, formaggi e yogurt. Secondo quanto emerso, la ditta aveva l'abitudine, in assenza di una idonea e certificata procedura, di procrastinare metodicamente le scadenze dei propri prodotti e delle materie prime, dopo l’avvenuta superata scadenza imposta all’origine "taroccando" le etichette.

+++GUARDA IL VIDEO DEI CONTROLLI DEI NAS+++

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapre un supermercato storico della Riviera: 78 lavoratori e un investimento di 4 milioni

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

Torna su
RiminiToday è in caricamento