Coronavirus, Gioenzo Renzi: "Il Comune deve dotarsi di un regolamento d'igiene per le abitazioni"

Sempre per ragioni di igiene pubblica, ho chiesto che venga fatto rispettare concretamente il divieto sputare o fare i propri bisogni in pubblico"

Il consigliere comunale Gioenzo Renzi (Fratelli d'Italia) chiede al Comune di Rimini l’adozione di un regolamento d’igiene per le abitazioni: “L’Ordinanza della Regione Emilia Romagna emessa per proteggere i cittadini dal rischio del contagio del “coronavirus, ribadisce tra le misure igieniche: lavarsi spesso le mani, evitare il contatto ravvicinato tra le persone, coprirsi bocca e naso in caso di starnuti e colpi di tosse”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"A seguito dei suddetti provvedimenti, normali ma enfatizzati, ho richiesto, ieri sera in Consiglio Comunale – spiega Renzi – con una interrogazione al sindaco, l’adozione da parte del Comune di Rimini del Regolamento di Igiene-Edilizia, di cui è mancante,(l’ultimo risale al 1973), per la salvaguardia dei requisiti igienico-sanitari nelle abitazioni.  Lo avevo già chiesto, in occasione dell’approvazione del Rue nel 2016 e della sua “variante” adottata nell’ottobre scorso, visto che l’ultimo articolo 127, Norme integrative di carattere igienico-sanitario, rimanda ad un vigente Regolamento igienico sanitario che non c’è ancora.  Le uniche prescrizioni normative per le abitazioni sono quelle riconducibili al D.M. del 1975, che prevedono: l’altezza minima interna di m. 2,70, la superficie abitabile per ogni abitante non inferiore a mq. 14 per i primi 4 abitanti e mq. 10 per ciascuno dei successivi, le stanze da letto con una superficie minima di mq. 9 per una persona e di mq. 14 per due persone. Norme, che sappiamo, non rispettate e non sufficienti a contrastare il sovraffollamento delle abitazioni, a salvaguardare la salute e la sicurezza, come avviene nel Borgo Marina o in altre zone della città. Basta chiedere agli agenti della Polizia Municipale, ai Carabinieri, alla ASL, in quali condizioni trovano le abitazioni ispezionate, tutto tranne che igieniche. Sempre per ragioni di igiene pubblica, ho chiesto che venga fatto rispettare concretamente, il divieto, previsto dal Regolamento di Polizia Urbana, art.12, di espletare i bisogni fisiologici e sputare sul suolo pubblico. Aspettiamo che il Comune, senza aspettare decenni,  faccia la sua parte per garantire l’igiene nelle abitazioni e nella città". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia nella mattinata, ragazzino perde la vita

  • Si lascia cadere nel vuoto, gesto estremo di un ragazzo

  • Col monopattino elettrico in A14, bloccato dalla polizia in autostrada

  • Da Londra alla Romagna, coppia di sposi trasforma un rudere in una nuova impresa

  • Sigilli al ristorante per maxi frode fiscale, evasi 1,3 milioni di euro e trovati 16 lavoratori in nero

  • Bellaria piange la scomparsa del 13enne, proclamato il lutto cittadino

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento